Istat: Italia continua ad invecchiare, dal 2011 15mila nati in meno

Popolazione sempre più “vecchia” quella italiana. Lo evidenziano gli ultimi dati Istat secondo cui sono stati 546.607 gli iscritti in anagrafe per nascita nel 2011, circa 15mila in meno rispetto al 2010. Tale tendenza, conferma il calo delle nascite cominciato nel 2009. Ma a causare lo stallo delle nascite in Italia, è anche la  diminuzione dei nati da genitori entrambi italiani, quasi 40mila in meno rispetto al 2008. Anche i nati da almeno un genitore straniero, che hanno continuato ad aumentare al ritmo di circa 5 mila l'anno fino al 2010 sostenendo la ripresa della natalità in Italia, nel 2011 mostrano una diminuzione dovuta al calo di circa 2 mila nati da coppie miste.

Aumentano, invece,  i figli nati da genitori non coniugati: sono circa 134mila quelli partoriti nel 2011, valore in linea con quello dell'anno precedente, ma a causa della forte diminuzione dei nati da coppie coniugate il loro peso relativo è aumentato dal 23,6% del 2010 al 24,5% del 2011.. Al centro nord, in particolare, i nati da genitori non coniugati sono il 30% e si supera questa quota in molte aree (addirittura il 47% nella Provincia autonoma di Bolzano, il 37% in Emilia Romagna e Valle d’Aosta, 35% in Liguria, 34% in Toscana, 32% in Piemonte). Inoltre quasi il 7% dei nati nel 2011 ha una madre di almeno 40 anni, mentre prosegue la diminuzione dei nati da madri di età inferiore ai 25 anni, che sono il 10,9% del totale. La posticipazione della maternità è ancora più accentuata per le italiane: ormai la proporzione di nascite da madri con meno di 25 anni e con più di 40 si equivale, ed è pari all’8%.

Circa admin

Riprova

Saldo Imu 2022, si avvicina la scadenza: quanto e come pagare

Si avvicina la scadenza di fine mese per il saldo dell’Imu 2022.  Entro il 16 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com