Coronavirus: negativi tamponi Ats Valpadana dopo focolai macelli

Il 99,1 per cento dei 1.231 cittadini di Casalmaggiore e Viadana sottoposti al tampone e’ risultato negativo. Cosi’ lo screening dell’Ats Valpadana per contenere la diffusione del contagio da coronavirus dopo i focolai sviluppati in alcuni macelli della zona hanno escluso il peggio. “Al fine di contrastare la diffusione del Covid-19 – spiega l’Ats – in sinergia con le istituzioni locali e grazie alla disponibilita’ dei Sindaci di Viadana e Casalmaggiore, ha nei giorni scorsi esteso all’ambito comunitario un’azione di prevenzione attiva per il contenimento del contagio, partendo dalle indagini condotte in alcuni contesti lavorativi del territorio”.

Nello specifico, Ats ha avviato una campagna di screening di popolazione con tampone nasofaringeo, volta ad intercettare, il piu’ tempestivamente possibile, eventuali nuovi casi tra coloro che vivono in aree nelle quali, nelle ultime settimane, si e’ registrata una maggiore concentrazione di positivita’. Tali zone sono state individuate sulla base delle informazioni ricavate dalle inchieste epidemiologiche e della georeferenziazione dei casi, condotta in collaborazione con gli uffici regionali e con il supporto e la collaborazione dei comuni interessati. L’attivita’ svolta dai medici delle Unita’ Speciali di Continuita’ Assistenziale (Usca), supportati da assistenti sanitari e personale amministrativo, anch’essi di ATS, e nella giornata di venerdi’ da personale dell’ASST di Mantova, ha consentito di sottoporre a tampone nasofaringeo 1.231 persone, 409 delle quali a Casalmaggiore e 822 a Viadana. Delle 1.231 persone sottoposte al test 1.220 sono risultate negative, pari al 99,1% dei cittadini testati. Solo 11 persone sono risultate positive, lo 0,89% del totale. Sono stati individuati 3 casi a Casalmaggiore e 8 a Viadana (4 dei quali componenti dello stesso nucleo familiare). Tutti i casi di Covid-19 rilevati grazie allo screening sono asintomatici ed e’ stato disposto l’isolamento domiciliare ed avviata l’inchiesta epidemiologica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com