Partygate: Cummings attacca Johnson

Non poteva mancare l’ombra di Dominic Cummings nel ‘Partygate’, l’ultimo scandalo che vede coinvolto Boris Johnson, per le feste a base di alcol nel guardino di Downing Street, in piena pandemia. L’ex consigliere a braccio destro del premier, allontanato dal governo nel novembre del 2020, è da tempo il grande accusatore di Johnson, se non l’ispiratore di molte delle ‘soffiate’ imbarazzanti fatte pervenire ai media. Il ministro della Giustizia e vice premier Domic Raab stamani ha definito una “soap opera” le nuove accuse lanciate da Cummings al premier, mettendone in dubbio l’accuratezza.

Raab è intervenuto dopo che nella serata di ieri, Cummings sul suo blog ha scritto che lui ed altri testimoni oculari sono pronti a testimoniare sotto giuramento che il premier “ha mentito al Parlamento sulle feste” a Downing Street. Cummings assicura che ci sono “molte altre foto di feste, dopo che io me ne andai, che ancora devono uscire fuori”. “Il primo ministro è stato molto chiaro riguardo al fatto che questo non è vero né accurato. Perdonatemi se non mi faccio trascinare nella soap opera di questa o quell’altra dichiarazione”, ha detto Raab difendendo Johnson. Anche se, ha ammesso che si tratta di una “questione seria” ed è per questo che è in corso “un’indagine seria”. L’impressione, riportano i media britannici, è che stavolta il Partygate potrebbe rivelarsi per Johnson un ostacolo difficile da superare.

Circa redazione

Riprova

Finlandia conferma, sospese forniture di gas russo

La Russia ha sospeso le esportazioni di gas naturale alla Finlandia, come già preannunciato nella giornata di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com