Venezuela. Ultimatum di Francia-Germania-Spagna: “Subito elezioni o riconosciamo Guaidò”

L’Europa si schiera con Juan Guaidò, autoproclamatosi presidente del Venezuela. E lancia l’ultimatum a Nicolas Maduro: Se non convocherà elezioni “eque, libere, trasparenti e democratiche”, Spagna, Francia e Germania riconosceranno il presidente dell’Assemblea nazionale, Guaidò come presidente ad interim del Venezuela.

Il primo a sposare la causa del giovane leader dell’opposizione venezuelana è stato il presidente spagnolo Pedrò Sanchez che con una dichiarazione dalla Moncloa ha lodato “il coraggio” di Guaidò.

“Non vogliamo instaurare o rimuovere governi – ha detto il premier spagnolo – vogliamo la democrazia ed elezioni libere in Venezuela”.

Dall’Eliseo anche il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che “se non saranno annunciate elezioni entro 8 giorni, saremo pronti a riconoscere Guaidò come ‘presidente in carica’ del Venezuela per avviare un processo politico”. A questo, ha proseguito il presidente della Francia, “stiamo lavorando insieme ai nostri alleati europei”. “Il popolo venezuelano – ha aggiunto – deve poter decidere liberamente il suo futuro. Senza elezioni annunciate da qui ad otto giorni, noi saremo pronti a riconoscere Juan Gauidò come presidente ad interim”.

Sulla stessa linea si schiera la Germania: “A meno che non vengano annunciate elezioni entro i prossimi otto giorni, siamo pronti a riconoscere Juan Guaidò come presidente a interim”, ha fatto eco la portavoce del governo tedesco, Martina Fietz.

Guaidò in una serie di tweet ha ringraziato Francia, Germania e Spagna per la loro presa di posizione. Il leader dell’opposizione venezuelana ha anche fatto riferimento ai “progressi” compiti in seno all’Unione europea “per il pieno riconoscimento e il sostegno della nostra lotta legittima e costituzionale”. Naturalmente nessuna parola sull’Italia perché Roma ancora non prende una decisione esplicita sulla crisi venezuelana. E come sempre sarà costretta ad accordarsi a quanto detto da Francia e Germania per non continuare a restare ai margini della diplomazia internazionale.

La spaccatura internazionale sulla crisi venezuelana è evidente. Mentre i tre Paesi europei, uniti a Stati Uniti, Canada e oltre una mezza dozzina di Paesi latino americani si sono schierati con Guaidò, un altro blocco di Paesi che comprende Russia, Iran, Turchia, Cuba, Bolivia e Nicaragua sostengono Nicolas Maduro.

Nel frattempo il dossier Venezuela arriva al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che si riunisce per una seduta d’emergenza richiesta dagli Stati Uniti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com