Trump e proposta di budget per il 2018

 

Nei giorni scorsi, in nome di American First, Trump ha presentato al Congresso Usa, in appena 53 pagine la sua lista proposta di budget per il 2018. Una vera e propria dichiarazione di guerra a tutti i programmi contro l’establishment politico americano e mondiale, contro il partito democratico americano, e contro tutti quelli che non hanno sostenuto la sua candidatura alle presidenziali.

I tagli più pesanti sono andati all’ambiente (-31%), al Dipartimento di Stato e quindi alla diplomazia (-29%), all’agricoltura (-21%), Dipartimento del Lavoro (-21%), alla sanità (-18%), commercio (-16%), istruzione (-14%), lo sviluppo urbano (-13%), trasporti (-13%), Dipartimento degli Interni (-12%), le energie rinnovabili (-6%), piccole imprese (-5%), Dipartimento del Tesoro e della Giustizia (-4%).

Trump  oltre ai tagli  ha elaborato consistenti aumenti che non hanno precedenti nella storia americana: Dipartimento degli Affari dei Veterani ( +9%), Dipartimento per la Sicurezza Nazionale (+7%), Dipartimento della Difesa (+ 9%).

Ovviamente, la presentazione del bilancio da parte dell’amministrazione di Trump, è soltanto una proposta, ora spetterà ai lavori dei parlamentari trasformare il profilo delle sue priorità, in progetto di legge per poi ottenere la maggioranza dalla Camera e dal Senato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com