Si chiama ‘Islam Dream’ l’ultima fatica di Hypnos, per promuovere l’integrazione tra l’Islam e l’Occidente

Si chiama ‘Islam Dream’, l’ultima opera pittorica di Hypnos, eclettico pittore romano, caratterizzata da un punto verde su sfondo nero, che ha come tema l’intolleranza razziale e religiosa dell’Occidente verso popoli lontani da questo anni luce a livello culturale e sociale, spiegata dall’artista quale profondo e mal compreso, da parte dell’Occidente, principio della cultura islamica, e cioè il rifiuto dell’idolatria. Oggi, afferma ancora, gli idoli non si trovano solo in campo religioso, ma si trovano anche in altri ambiti, quali lo sport, la politica, la finanza, e tanti altri ancora, che generano distonia tra desiderio e possesso, ed è proprio su questa distonia, che il mondo civile subisce una manipolazione sempre più subdola ed ossessionante. Ho realizzato Islam Dream, prosegue l’artista Hypson, solo per rappresentare questa mia convergenza ideologica con l’Islam sul principio che nega ai fedeli di religione islamica di adorare idoli, ed i non mussulmani dovrebbero valutare attentamente questo concetto, perchè siamo costantemente bombardati da idolatria commerciale, politica, religiosa, ed è forse questa scarsa manipolabilita’ delle menti di fede islamica, la base di quell’odio e rancore che porta certe persone a offendere con film e vignette irriverenti i valori religiosi di milioni di persone. Questa mia opera, prosegue Hypnos, dopo averla realizzata, l’ho donata al mio amico Egiziano Ezzat Abdeldayem Ahmed Khamis, ufficiale della polizia egiziana, che l’ha molto apprezzata e che desidera farla diventare l’emblema di quel desiderio di fratellanza che dovrebbe accomunare tutti i popoli, ma che purtroppo, sino ad ora, non è riuscito a trovare spazio tra gli odi ed i rancori che quotidianamente si consumano tra popoli di differente cultura e credo religioso.

Gilberto Di Benedetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com