Genova, oggi il decreto al Quirinale. Autostrade non costruirià il ponte

ll decreto per la ricostruzione del ponte crollato a Genova oggi arriverà sulla scrivania del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ma non sarà Autostrade a costruirlo. Lo assicura il vice presidente del consiglio, Luigi Di Maio, nel corso della trasmissione Circo Massimo su Radio Capital. Alle critiche dei giorni scorsi sui ritardi nel definire il provvedimento, per presunte carenze finanziarie, il ministro spiega che “è stata data una interpretazione come se il ministero dell’Economia voleva fermarlo”. Ma non è così. La Ragioneria generale dello Stato, spiega i ritardi Di Maio, “sta lavorando anche al Def e alla Legge di bilancio”. Tanto che è dovuto intervenire anche palazzo Chigi che, in una nota, ha precisato che le notizie “sul decreto emergenze e sulle presunte carenze di coperture finanziarie che sarebbero all’origine di ritardo nella sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale non corrispondono al vero”. “Gli interventi – continua la nota della Presidenza del Consiglio – in conto capitale sono integralmente finanziati. Parimenti, quelli di parte corrente sono integralmente finanziati per il 2018 e, in parte, per gli anni successivi. Per la parte residua, sarà data copertura nella prossima legge di bilancio, che sarà presentata al Parlamento il 20 ottobre”.

Come detto Autostrade resterà fuori dalla ricostruzione del ponte. Non gli daremo ” la possibilità di mettere una pietra”, dice Di Maio. Per il vice premier è proprio Autostrade ad essere la responsabile del crollo del ponte e, come indicato nella relazione finale degli ispettori, Autostrade doveva fare molte cose che non ha fatto. “Quella relazione ci apre una prateria per revocare la concessione. In quella relazione c’è scritto che autostrade aveva la responsabilità. Ed è stata la responsabile per la distruzione del ponte”. Ora la partita si sposta sul nome del commissario per Genova perché in ballo ci sono tanti milioni di euro da gestire. Il nome, assicura Di Maio, “ci sarà non appena il decreto verrà pubblicato in Gazzetta ufficiale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com