Diritti Tv, la Corte d’Appello: “Ordini a Mediaset anche da premier”

Nelle motivazioni della sentenza per il processo Mediaset, i magistrati che hanno condannato Berlusconi in appello a 4 anni, scrivono: “guidava l’azienda anche quando era premier”. E la Cassazione sui processi Ruby: “da Berlusconi accuse infamanti alle toghe di Milano”.  “Silvio Berlusconi ha continuato a essere al vertice del gruppo Mediaset anche dopo la sua discesa in campo, ovvero l’impegno in politica e la nomina a presidente del consiglio”. Questo è quanto si legge  nelle motivazioni addotte dai giudici della Corte d’appello di Milano per la sentenza di secondo grado, con cui è stata confermata la condanna a 4 anni di reclusione e cinque di interdizione dai pubblici uffici, per frode fiscale nella vicenda dei diritti tv. Per i giudici “vi è la piena prova, orale e documentale, che Berlusconi abbia direttamente gestito la fase iniziale per così dire del gruppo B e, quindi, dell’enorme evasione fiscale realizzata con le società off shore”.  Sulla pena, invece, scrivono: “La pena stabilita in prime cure è del tutto proporzionata alla gravità materiale dell’addebito e alla intensità del dolo dimostrato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com