Sicilia, consigliere regionale di Fi indagato per corruzione elettorale

É il deputato marsalese di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana Stefano Pellegrino il politico indagato per corruzione elettorale nell’ambito dell’operazione ‘Mafiabet’, che ha portato all’arresto degli imprenditori Calogero Jonn Luppino, campobellese di 39 anni, di suo zio Salvatore Giorgi, 60 enne anche lui di Campobello di Mazara, e di Francesco Catalanotto, castelvetranese gestore di un centro scommesse a Campobello di Mazara.

Catalanotto è considerato l’anello di congiunzione operativo tra Luppino e la famiglia di Castelvetrano e vantava una particolare vicinanza con Rosario Allegra, cognato del boss latitante Matteo Messina Denaro. Luppino e soprattutto Giorgi, seguendo le disposizioni impartite dal carcere del boss Franco Luppino, avrebbero supportato la candidatura alle elezioni regionali di Pellegrino promettendo e somministrando generi alimentari a cittadini del luogo in cambio della promessa di voto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com