Legge elettorale, il giorno del sì della Camera al Rosatellum

La Camera dà il via libera alla legge elettorale ribattezzata ‘Rosatellum bis’ con 375 sì e 215 voti contrari. Dopo tre votazioni di fiducia, il testo viene approvato con voto segreto superando la barriera dei franchi tiratori. Il tour de force alla Camera lascia il segno con un carico di polemiche in cui a tenere banco sono state le proteste in piazza del Movimento Cinque Stelle e della sinistra. Con lo strascico della norma definita dai 5 stelle e da Mdp ‘salva- Verdini’ che consente a chi è residente in Italia di potersi candidare anche nelle circoscrizioni estere.

Fuori dal palazzo anche la protesta della sinistra, con manifestazioni in piazza Montecitorio e al Pantheon.

Il Rosatellum crea ulteriori spaccature nel centrodestra, con Lega e Forza Italia a sostegno della legge ed Fdi posizionato sul fronte del no. Pur senza entrare nei dettagli, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni guarda con attenzione all’approvazione della legge: ‘Non e’ il tempo dell’irresponsabilità  al di la’ di ogni comprensibile tensione politica dobbiamo mettere al primo posto l’Italia. Per quanto riguarda il governo si farà ogni sforzo per giungere ad una conclusione ordinata della legislatura’.

  

Sulle barricate il Movimento Cinque Stelle ed il suo leader Beppe Grillo, arrivato a Roma proprio per gestire la protesta che da due giorni ha radunato davanti a Montecitorio i militanti 5 stelle. Il ‘no’ al Rosatellum ha ricompattato il gruppo dirigente che all’unisono si è scagliato contro la legge. Roberto Fico, Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio si sono alternati in una sorta di maratona a cui hanno preso parte tutti i parlamentari pentastellati per criticare una legge,  dicono,  infame e scandalosa. Una polemica che i deputati M5s hanno portato avanti anche dentro l’aula accusando la maggioranza di aver fatto una norma ad hoc per Verdini: ‘E’ la ciliegina sulla torta  di una montagna di letame democratico fatto da questi quattro miserabili’.

Cambiano le parole ma anche a sinistra del Pd non mancano le accuse. Parla di ‘schifezza’ Massimo D’Alema. E lo dimostra che una maggioranza che conta 476 parlamentari su 630,  aggiunge, ha paura del voto segreto, che e’ uno strumento parlamentare riservato a pochissime materie, tra cui i diritti fondamentali e politici dei cittadini. Mentre Pier Luigi Bersani lancia un ultimo appello a maggioranza e governo. Il Rosatellum 2.0 e’ un marchingegno sconosciuto nel mondo,  spiega l’esponente di Mdp,  che con il cuore in mano ha chiesto a chi sostiene la legge di ‘fermarsi a riflettere’. A sostenere il sì alla legge è il partito democratico. Il ‘padre’ del nuovo modello elettorale, Ettore Rosato, se la prende con chi ha manifestato in piazza: ‘E’ comodo andare a protestare e dire tutti sono contro di noi. Pensano solo alle loro poltrone non agli interessi del paese’. Chi considera invece il Rosatellum il male minore è da sempre Silvio Berlusconi. Il Cavaliere sin da subito ha deciso di sostenere la legge nonostante i mal di pancia interni al suo partito, in particolare tra le file dei deputati meridionali: ‘E’ una buona legge perchè scontenta un po’ tutti’, osserva il capogruppo azzurro Renato Brunetta che ha portato avanti la trattativa per raggiungere l’intesa sulla legge elettorale. Dello stesso avviso la Lega Nord che sin dall’inizio si era resa disponibile a sostenere qualunque modello.

Ettore Rosato ha citato il precedente di Nilde Iotti, ai tempi della legge sui sindaci del ’90, a proposito della possibilità di mettere la fiducia sulla legge elettorale: ‘Finché il regolamento è questo, anche se posso comprendere ed in una certa misura condividere le preoccupazioni che sono state manifestate da molte parti, vale l’antico principio ‘dura lex, sed lex’, al quale non possono esservi eccezioni.

‘Loro avranno anche la maggioranza nel Parlamento, ma noi siamo la maggioranza nel Paese. Si sono ricompattati tutti contro di noi. E quando è così tu vinci sempre’,  dice Luigi Di Maio sottolineando: ‘Hanno 66 franchi tiratori al loro interno e al Senato avranno dei problemi’.

  Di Maio ha proseguito: ‘Nel ’23 Mussolini ha messo la fiducia sulla legge Acerbo che aprì la strada al fascismo. Nel ’53 De Gasperi mise la fiducia sulla legge truffa, dopo un anno fu cancellata. Nel 2015 Renzi mise la fiducia sull’Italicum, sappiamo come andò a finire. Visti i precedenti, fossi in voi stare in campana’.
 Poi se l’è presa con la Lega: ‘Con che faccia, con che coraggio favorite i partiti che avete fatto finta di contrastare per anni? La vostra credibilità pari a zero. Dovete rispettare il consenso popolare che abbiamo: potete vincere sui programmi, non barando sulla legge elettorale. Per questo la legislatura finisce come inizia, noi in piazza e voi qui dentro a tentare di salvarvi. Ma finirà come 5 anni fa, avrete un’altra bella sorpresa! Si andrà a votare subito e noi ricorderemo ogni giorno il voto di cui siete responsabili.

Cocis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com