Arresti e perquisizioni per doping in 4 regioni

28 arresti e tre perquisizioni, questo è il bilancio dell’operazione antidoping dei Nas di Ancona.  Gli anabolizzanti e le ricette false, erano destinati al ciclismo amatoriale e a palestre di body-building. I farmaci, a base di steroidi, nandrolone, ormone Gh, boldenone, testosterone, per lo più provenienti dalla Grecia, dall’Ucraina e dalla Moldavia, venivano prenotati sul web, anche con ‘pacchetti sconto’. Le perquisizioni hanno interessato le Marche, l’Umbria, l’Abruzzo e il Lazio. Fra gli indagati ci sono istruttori di quattro palestre di Civitanova Marche e Macerata, gestori di negozi, clienti delle strutture sportive e un paio di soggetti che ruotano nel mondo del ciclismo non professionistico. Tre persone sono state denunciate anche per esercizio abusivo della professione di farmacista e falso: avrebbero falsificato numerose ricette mediche per acquistare i medicinali a carico del Servizio sanitario nazionale. Le sostanze dopanti, inoltre, erano venduti al dettaglio ai frequentatori di palestre e circuiti di allenamento, con gravi rischi per la salute. Spesso, infatti, sulle confezioni non erano indicati con chiarezza ne’ i componenti ne’ il luogo di produzione delle sostanze. Oltre a fiale e a pasticche, sono stati posti sotto sequestro anche 11.500 euro in contanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com