epa08534995 A photo made available by MAXAR Technologies shows a satellite image overview of the Natanz uranium enrichment facilities, in Natanz, some 300km south of the capital Tehran, Iran, 08 July 2020. Media reports state on 02 July 2020 that an 'incident' occurred at the Natanz uranium enrichment plant. Atomic Energy Organization of Iran spokesman Behrouz Kamalvandi said that a building under construction was reportedly damaged by a fire. Officials added that there were no casualties or concerns about contamination. EPA/MAXAR TECHNOLOGIES HANDOUT -- MANDATORY CREDIT: SATELLITE IMAGE 2020 MAXAR TECHNOLOGIES -- HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Trovato il responsabile del sabotaggio a Natanz. Iran, provveduto all’arresto

L’Iran ha identificato “la persona che ha causato l’interruzione alla corrente elettrica” all’origine del guasto alla centrale nucleare di Natanz, che secondo Teheran è stato un attacco di Israele contro cui ha promesso “vendetta” al “momento opportuno”. Lo indicano fonti di intelligence iraniane, citate da media locali.

“Le misure necessarie sono state prese per arrestare” il responsabile, precisano le fonti.

Secondo il New York Times, Israele avrebbe giocato un ruolo nel sabotaggio al complesso di arricchimento dell’uranio di Natanz, fulcro del programma nucleare iraniano. Il giornale, cita fonti dell’intelligence americana, secondo le quali a causa dell’esplosione ci potrebbero volere almeno nove mesi per ripristinare la produzione a Natanz.

L’Iran accusa Israele di essere dietro l’attacco a Natanz, lasciando intendere che nell’episodio sono state danneggiate delle centrifughe e promettendo “vendetta” al “momento opportuno”. “Con questa azione il regime sionista ha certamente tentato di vendicarsi del popolo iraniano per la pazienza e la saggezza di cui ha dato prova (in attesa) che vengano revocate le sanzioni” americane, ha detto il portavoce del ministero iraniano degli Esteri, Saïd Khatibzadeh, in conferenza stampa a Teheran.

“Stiamo seguendo da vicino e con preoccupazione le notizie sull’incidente alla centrale di Natanz avvenuto nel weekend in Iran e che potrebbe essere un atto di sabotaggio”. Lo ha detto Peter Stano portavoce dell’Alto rappresentante Ue Josep Borrell. “Deve essere fatta un’inchiesta completa per chiarire le cause di quanto accaduto e per scoprire chi ci sia dietro l’incidente”, ha aggiunto Stano.

Circa Redazione

Riprova

Ue non rinnova il contratto con AstraZeneca

Per il momento la Commissione Europea non ha rinnovato il suo contratto per i vaccini …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com