Standard&Poor’s declassa 24 banche italiane

L’agenzia Standard&Poor’s ha annunciato il taglio del rating per un folto gruppo di banche italiane (fra cui Bpm, Monte Paschi, Carige) alla luce di uno “scenario finanziario e macroeconomico più difficile del previsto”.

Standard&Poor’s ha invece confermato i rating a lungo A e di breve termine A-1 di UniCredit, comunica la banca, e delle sue principali controllare UniCredit Bank, UniCredit Bank Austria e UniCredit Leasing. Contemporaneamente l’outlook è stato confermato negativo. Standard&Poor’s, sottolinea l’istituto, “ritiene che la diversificazione di UniCredit consentirà ‘probabilmente di attenuare l’effetto del deterioramento del contesto economico e operativo in Italia sulla performance finanziaria del gruppo”’.

L’agenzia di rating ha rivisto la sua valutazione del settore bancario italiano (Bank Industry Country Risk Assessment (Bicra)”) verso il basso (dal gruppo 2 al gruppo 3 su una scala da1 a10, dove 1 è il livello più elevato).

Circa redazione

Riprova

Dl Malattia professionisti, De Lise (commercialisti): un ‘miracolo italiano’, ora ampliare interpretazione norma

“Il Dl Malattia professionisti, che sospende i termini relativi agli adempimenti tributari a carico del …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com