Rodotà: “Pd verifichi se esistono maggioranze diverse, strada della grazia impraticabile”

Stefano Rodotà, il noto giurista che è stato lizza come Presidente della Repubblica, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera, nella quale bolla come “molto inquietante” “ritenere, come Schifani e Brunetta, che una sentenza della Cassazione sia un’alterazione democratica”, ha dichiarato: “Il Pd verifichi se possono esistere maggioranze diverse. Il vero elemento di grave distorsione della democrazia è dire che viene alterata da una sentenza sgradita. Il Pdl  non si riconosce pienamente nel sistema costituzionale, c’è il disconoscimento di logiche e rapporti istituzionali, dell’autonomia della magistratura. Questo rende tutto molto inquietante”. Quanto ai “rischi di guerra civile” evocati da Sandro Bondi, rappresentano per il giurista ”un’affermazione di enorme gravità”, tanto che dal Quirinale la si definisce “una dichiarazione irresponsabile”. Sempre secondo il giurista, poi, la grazia per Berlusconi è “una strada impraticabile”. Alla domanda, poi, se il Pd debba far cadere il governo, l’ex Garante della Privacy risponde “Credo che la dichiarazione a caldo fatta da Epifani subito dopo la sentenza sia stata corretta e tempestiva. Però ora non basta più. E la sua richiesta a Berlusconi di rispettare i patti mi sembra un po’ ingenua, perchè non li ha mai rispettati. lLa situazione è figlia di una legge elettorale costruita per impedire la governabilità e viziata da incostituzionalità ormai sancite. Dunque  il Pd abbandoni quella follia politica della revisione costituzionale, metta invece in calendario per i primi di settembre il sistema di voto” ma “verifichi anche se possono esistere maggioranze diverse. Auspicando la fine delle docce scozzesi del M5S“.

Circa redazione

Riprova

Coronavirus, 13114 contagi, 246 decessi

Nel pomeriggio di oggi è stato diffuso il bollettino aggiornato sull’andamento della pandemia di Covid-19 …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com