Mostra di Marc Chagall a Cava dei Tirreni

Il Marte di Cava dei Tirreni, (Salerno), dal 6 giugno al 29 giugno prossimi,  ospiterà le settantasette tavole realizzate dal celebre artista Marc Chagall. Natura, cultura, scene bibliche, favole, creature viventi e figure mitologiche, questi i soggetti dell’evento che è stato curato da Ada Patrizia Fiorillo e suddiviso in cinque cicli. Inoltre per il visitatore sarà possibile, oltre ad ammirare le opere dell’artista bielorusso, assistere a varie rappresentazioni teatrali, documentari, proiezioni cinematografiche, concerti, o partecipare a incontri, workshop, seminari e degustazioni a tema.  Marc Chagall nasce a Liosno, presso Vitebsk nel 1887. Dal 1906 al 1909 studia prima a Vitebsk, quindi Marc Chagall entra all’accademia di Pietroburgo, dove è allievo anche di Bakst.Nel 1910 si trasferisce a Parigi. Qui conosce le nuove correnti del momento, particolarmente il Fauvismo e il Cubismo.Si inserisce negli ambienti artistici d’avanguardia. Frequenta tra gli altri Guillaume Apollinaire e Robert Delaunay. Nel 1912 espone sia al Salon des Indépendants, che al Salon d’Automne. Delaunay lo fa conoscere al mercante berlinese Herwarth Walden, che nel 1914 gli allestisce una personale presso la sua galleria Der Sturm. Il sopraggiungere della guerra nel 1914 fa rientrare Marc Chagall a Vitebsk. Qui fonda l’Istituto d’Arte, di cui è direttore fino al 1920, quando gli subentra Malevich. Si trasferisce a Mosca. Inizia a realizzare le decorazioni per il teatro ebraico statale “Kamerny”.Nel 1923 ritorna a Berlino e successivamente a Parigi. Qui ristabilisce i contatti e conosce Ambroise Vollard, che gli commissiona l’illustrazione di vari libri. Nel 1924 ha luogo una importante retrospettiva di Chagall presso la Galerie Barbazanges-Hodeberg. In seguito, effettua viaggi in Europa e anche in Palestina. Nel 1933 presso il Kunstmuseum Marc Chagall ha luogo una grande retrospettiva. Ma quasi contemporaneamente avviene l’ascesa del nazismo al potere in Germania. Tutte le opere di Chagall vengono confiscate ai musei tedeschi. Alcune figurano nell’asta tenuta alla Galerie Fischer di Lucerna nel 1939. A Chagall non rimane che rifugiarsi in America. Nel 1947 fa ritorno a Parigi, e nel 1949 si stabilisce a Vence. Importanti mostre gli vengono dedicate dappertutto. Inizia la lunga serie di decorazioni di grandi strutture pubbliche. Nel 1962 disegna le vetrate per la sinagoga dello Hassadah Medical Center, presso Gerusalemme, e per la cattedrale di Metz. Nel 1964 realizza le pitture del soffitto dell’Opéra di Parigi. L’anno dopo è la volta delle grandi pitture murali sulla facciata della Metropolitan Opera House di New York. Nel 1970 disegna le vetrate del coro e del rosone del Fraumenster di Zurigo.Di poco successivo è il grande mosaico a Chicago. Muore a Saint-Paul-de-Vence nel 1985. L’elemento onirico nelle sue opere non fa più capo ad un inconscio privato, quale poteva essere quello surrealista, ma ad un inconscio culturale, puro kunstwollen che si materializza in forme fantastiche dai colori straordinari.

 

Circa redazione

Riprova

In uscita SONO IO _Cortometraggio di Cyro Rossi sul Covid-19, vincitore all’International Short Film Festival di Mosca

In uscita “Sono io”, cortometraggio di Cyro Rossi sul Covid-19 Vincitore come “Miglior corto sperimentale …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com