Grillo a Napolitano: Nessuna riforma della Giustizia con il Cav

Beppe Grillo bocca la proposta lanciata dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, di modificare la giustizia italiana dopo la condanna di Silvio Berlusconi e gli chiede di non far modificare la Costituzione. Il capo del MoVimento, in post pubblicato sul suo blog, avvisa i ‘naviganti’ di non azzardarsi a modificare la Giustizia “insieme al partito capeggiato da un delinquente”. E promette che il M5S “non starà a guardare, né si limiterà a interpellanze parlamentari, ma mobiliterà i suoi elettori”. Come scrive il capo dei grillini “le coincidenze non esistono e questa fretta di riformare la Giustizia dopo la condanna di Berlusconi è altamente sospetta”. Per l’ex comico genovese questa riforma servirebbe solo a far tirare a campare Letta perché “Capitan Findus ama Berlusconi, grazie a lui è diventato presidente del Consiglio”. Ma nel post di Grillo non c’è solo questa riflessione politica. Il leader del MoVimento chiede la revoca delle frequenze televisive nazionali a Mediaset e di Cavaliere della Repubblica per il leader del Pdl. “Il lavoro con Berlusconi non è finito, è appena iniziato”, scrive Grillo nel post pubblicato sul suo blog. “La condanna per frode fiscale per Mediaset ha una conseguenza. La revoca delle concessioni delle frequenze televisive nazionali che non possono essere assegnate a un pregiudicato”. “C’è però un’altra revoca, quella di Cavaliere della Repubblica, un titolo impensabile per un condannato. Potrebbe essere sostituito da Fantino della Repubblica, più appropriato”. Però, come lui stesso scrive, “accanirsi contro Berlusconi è però ingeneroso. In vent’anni non ha fatto tutto da solo. Aspettiamo quindi, con atteggiamento bipartisan, gli esiti di altri processi, primo fra tutti quello del Monte dei Paschi di Siena a guida pdimenoellina”. E chiude il post rivolgendo un ‘appello’ a Giorgio Napolitano. “La Costituzione non può in alcun modo essere modificata da un partito di nominati guidati da un pregiudicato. La Giustizia non si tocca, la Costituzione non si tocca. Messaggio inviato. Quirinale. Messaggio inviato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com