Giorgia Meloni tra Giuseppe Conte e l’Altare della patria

Giorgia Meloni il 2 giugno non potrà deporre una corona di fiori sull’Altare della patria. La leader di Fratelli d’Italia, in una intervista al Messaggero, non parla di censura, ma attacca ad alzo zero il premier Giuseppe Conte che ha bocciato l’iniziativa: ‘Grave il modo in cui Palazzo Chigi ha gestito questa vicenda. Il fatto che la stampa abbia conosciuto due ore prima di noi la risposta a una nostra legittima richiesta è una fotografia abbastanza nitida di come operano Conte e soci. Hanno usato anche una celebrazione emozionante come l’omaggio al Milite ignoto, per tentare di screditarci. Bastava dire: non si può andare a mettere la corona perché il 2 giugno può farlo solo il presidente della Repubblica. Avremmo compreso benissimo’.

La Meloni poi entra più nel dettaglio politico e attacca la sindaca di Roma, Virginia Raggi: ‘Le soluzioni di cui l’Italia ha bisogno sono distanti anni luce dal bonus monopattino. Sfido la Raggi, che da giorni lancia i monopattini elettrici, ad andare da casa sua ad Ottavia fino in Campidoglio col monopattino. E vediamo se ci arriva! La verità è che Palazzo Chigi si fa scrivere le norme da chi abita a via Condotti o lì intorno e non vive la realtà della gente normale’.

Infine la leader di Fratelli d’Italia  dichiara ancora una volta di essere disponibile a collaborare con questo governo per il bene della patria: ‘Ma non saremo mai complici di questo scempio. Per avere la nostra collaborazione devono mostrare serietà. Devono tirare fuori dal decreto Rilancio tutte le marchette e i bonus inutili. O tolgono tutte queste vergogne o la nostra collaborazione non l’avranno’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com