Camorra, sequestro da 9 milioni per imprenditori di Casapesenna

Un sequestro da 9 milioni di euro è stato eseguito dalla Direzione investigativa antimafia nei confronti di due imprenditori edili del Casertano. Il provvedimento è stato deciso dal tribunale di Santa Maria Caputa Vetere. Gli accertamenti, invece, sono stati coordinati dalla Procura di Napoli. Sono due i manager sospettati di far parte dell’associazione di Camorra ‘clan dei casalesi’, uno dei quali è stato arrestato nel 2006 e nel 2020. Con l’ordinanza, all’epoca, era stato disposto altresì il sequestro di due società per le quali esisteva il pericolo derivante dal fatto che fossero a disposizione degli indagati.

Secondo gli inquirenti ci sono pochi dubbi sul fatto che queste aziende fossero strumentali all’ipotesi di concorso esterno nel clan dei casalesi, visto che proprio queste erano state destinatarie di commesse regionali pubbliche. Nel dicembre scorso sempre il tribunale di Santa Maria Capua Vetere – sezione misure di prevenzione aveva disposto il sequestro d’urgenza a carico di uno dei due imprenditori indiziato di aver riciclato somme di denaro, di due polizze vita per un totale di circa un milione e mezzo di euro. Adesso nella rete degli investigatori della Dia sono finiti anche fondi di investimento, azioni, conti correnti e quote societarie.

Circa redazione

Riprova

Caporalato: dieci ore lavoro a 100 euro al mese, 24 indagati

Sei caporali reclutavano personale in nero, e lo obbligavano a montare sistemi di irrigazione in …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com