Bce e Draghi: ‘Più formazione per giovani, vogliono lavoro non sussidi’

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, oggi parla da Dublino sul tema della disoccupazione giovanile.  L’evento, che segue i colloqui che si sono tenuti a Lisbona nel giugno 2017, è stato organizzato in collaborazione con la Banca centrale d’Irlanda e Trinity College di Dublino.
Guarda la diretta dalle ore 11,30

In alcuni Paesi dell’Eurozona sono stati fatti passi avanti per ridurre la disoccupazione giovanile e col consolidamento della ripresa diminuirà ulteriormente, ha affermato Draghi. Ma per affrontare le cause strutturali della disoccupazione giovanile, sono necessarie forme di protezione omogenee tra i lavoratori, accordi di lavoro flessibili, programmi di formazione professionale efficaci, un elevato grado di apertura del commercio e sostegni per ridurre i costi sociali della mobilità, ha spiegato il presidente della Bce.

I giovani non vogliono vivere con i sussidi. Vogliono lavorare ed allargare le proprie opportunità ed oggi, dopo la crisi, i governi sanno come rispondere alle loro richieste e come creare un ambiente in cui le loro speranze possano avere una opportunità. Draghi ha esortato quindi i governi a rispondere alle loro richieste, per il futuro dei loro paesi e della loro democrazia.

Il Pil dell’Eurozona è in crescita da 17 trimestri consecutivi, creando nel complesso oltre 6 milioni di posti di lavoro. Draghi ha spiegato che dal picco del 24% nel 2013, la disoccupazione giovanile è scesa intorno al 19% nel 2016 ma è ancora di circa 4 punti percentuali più alta rispetto all’inizio della crisi nel 2007. Il presidente della Bce ha però puntualizzato che nel 2016 circa il 17% dei giovani tra i 20-24 anni non studia, non lavora e non fa formazione.

La segmentazione del mercato del lavoro e una scarsa formazione professionale sono tra i principali motivi dell’elevato tasso di disoccupazione giovanile persistente in diversi Paesi colpiti gravemente dalla recessione come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo. Il presidente Bce ha sottolineato invece che Paesi come Germania e Austria sono riusciti a mantenere bassa la disoccupazione giovanile grazie ad efficaci programmi di formazione professionale e piani mirati ai giovani più svantaggiati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com