VANITY DARK QUEEN di Stefano Napoli al Teatro Vascello

Dopo i lavori su Cleopatra ed Elena di Troia, ecco la terza ‘dark queen’ di Stefano Napoli: VANITY DARK QUEEN – Niobe regina di Tebe, in scena al Teatro Vascello il 27, 28 e 29 maggio

Niobe, l’antica regina di vanità, che volle farsi felice – anche per il numero dei suoi figli -contro l’antica saggezza per cui solo gli dei potevano dirsi felici. “Cose umane agli umani”, ovvero accetta l’incostanza della sorte e impara il limite. Niobe, ribelle al pari di Prometeo, trasformata in roccia di lacrime, Niobe segnava il confine da non superare. Nel tempo la sua immagine trascolora fino a diventare, con i suoi figli, decorativo elemento di giardini e fontane. Cosa può dirci ancora questa mater dolorosa? Forse in lei, come in un prisma, possiamo vedere riflessi il nostro orgoglio, la nostra fragilità, la nostra paura.

Con: Paolo Bielli, Francesca Borromeo, Alessandro Bravo, Giacomo Galfo, Luigi Paolo Patano, Simona Palmiero, Filippo Metz. Regia di Stefano Napoli.

NOTE DI REGIA

Visito per caso la Galleria degli Uffizi a Firenze e vedo la stanza dei Niobidi. Sono i figli di Niobe colti nell’ attimo dello strazio della morte. Le frecce di Apollo e Artemide sono mortifere, non lasciano scampo. Mi scopro a pensare che la bellezza per i Greci era un argine al dolore e alla morte. Questi inevitabili sì, ma qualcosa poteva durare più dell’effimera vita: la bellezza appunto e il ricordo. Qualcuno scatta foto e poco più in là un ragazzo sta facendo uno schizzo. Niobe è la madre. Punita dagli dei per aver osato gridare la sua felicità di madre sazia di figli, quando solo gli dei, e non i mortali, possono dirsi felici. Mi coinvolge di Niobe il suo essere una ribelle, una creatura di frontiera, al limite tra due mondi, quello divino e quello umano.  Nell’antichità il mito di Niobe doveva essere un monito, ma io non sono alla ricerca di cause, colpe, delitti. Voglio solo guardarla. La sua è una storia d’amore, vanità, invidia, perdita, resistenza. Così ho spiato Niobe sull’orlo dell’abisso e nel suo dolore. Spero che non me ne voglia. Mi sono fatto influenzare dalle trasformazioni dell’immagine di Niobe da ribelle a mater dolorosa e regina del lutto e poi, con i suoi figli, a elemento decorativo di fontane e giardini.  Ho ammirato la sua leggerezza e la sua durezza, la sua voglia di vivere nonostante tutto. E naturalmente ho letto anche Ovidio e Igino

1.Senza vederlo, sfioravo l’abisso.                                                                                                                                                           2.Intervallo                                                                                                                                                                                                      3.Vanità. Specchio delle mie brame, chi è la più bella del reame…                                                                                                    4.Niobe, i figli, Latona: il dolore entrava nella stanza                                                                                                                                                                                         5.Canta  Zizi Jeanmaire e io sono quella con il boa                                                                                                                  6.Vendetta.Ovvero come Latona si vendica.                                                                                                                                     7.Guardate come muoio bene                                                                                                                                                                8.Raccolgo frammenti, custodisco ricordi

9.La morte e la fanciulla                                                                                                                                                                                      10.Il mondo è una tomba                                                                                                                                                      11.Sequenza del lutto

12.Fuggire via, su una zattera                                                                                                                                                                13.Spiaggia da sogno. Sogno della spiaggia                                                                                                                                                                                         14.Piume e pietra, c’est la vie messieurs-dames                                                                                                                    15.Ricordi laceranti, fantasmi                                                                                                                                                   16.Guardate,sono una regina comunque                                                                                                                              17.Le mie lacrime                                                                                                                                                                     18.Ma,da qualche parte, in un giorno di sole ci incontreremo ancora

Lo spettacolo verrà rappresentato il 22 agosto alle ore 21,00 ai Giardini della Filarmonica di Roma nell’ambito della 28° edizione de ‘ I Solisti del Teatro’,

La compagnia Colori Proibiti sarà presente anche il 7 e l’8 giugno alle ore 21,00 al Teatro di Tor Bella Monaca di Roma con lo spettacolo CIRCUS DARK QUEEN, ricordando ‘Antonio E Cleopatra’ di W. Shakespeare.

Compagnia Colori Proibiti

Presenta

Teatro Vascello

27-28-29 maggio

venerdì h 21 – sabato h 19 – domenica h 17

VANITY DARK QUEEN

Niobe Regina di Tebe

con: Paolo Bielli, Francesca Borromeo, Alessandro Bravo, Giacomo Galfo, Luigi Paolo Patano, Simona Palmiero, Filippo Metz

regia: Stefano Napoli

disegno luci: Mirco Maria Coletti

supervisione sonora: Federico Capranica

armeria: Zaccherini

foto: Dario Coletti

per i costumi e gli accessori si ringrazia: Sasà Salzano

musiche di: V. Bellini, A. Desplat, R. Ortolani, G. Puccini, R. Sakamoto, R. Wainwright ed altri

durata dello spettacolo: 60’ circa

Teatro VASCELLO

Via Giacinto Carini, 78, 00152 Roma

info 065898031  promozioneteatrovascello@gmail.com

27-28-29 maggio
venerdì h 21 – sabato h 19 – domenica h 17

posto unico € 15

 

Circa Redazione

Riprova

Marconi Teatro Festival – LA BAMBINA DI CARTA

Roma, 2018. À’isha al-Wadai è nata in Yemen, dove ha vissuto fino al compimento dei …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com