Un terzo degli italiani ha raggiunto la soglia della povertà

Lo dice l’ultimo rapporto del Censis che rileva che più di un terzo degli italiani, a causa del Covid, ha visto ridurre le proprie entrate o addirittura azzerarle. Ma questo terzo non è omogeneo: impiegati, titolari di bar e locali aperti al pubblico, avvocati, commercialisti, rappresentanti di commercio. E questo escludendo dal calcolo già chi aveva raggiunto, prima della pandemia, la soglia della povertà. La prima considerazione da farsi, è che nessun sistema può riprendersi e prosperare se un terzo ne rimane escluso. Quindi l’obiettivo unico deve essere il raggiungimento della coesione sociale. Questo terzo esprime bisogni a cui non si può rispondere con l’assistenza sine die; così non si cambierà la sorte di larga parte degli italiani che avevano puntato sulle proprie capacità e dipendevano solo dal proprio lavoro e in molte zone del Paese ne costituivano il nerbo centrale e produttivo. Basta guardare agli effetti del reddito di cittadinanza che nel Meridione d’Italia, non ha prodotto quel riscatto sociale e ripresa economica che tutti si aspettavano, soprattutto i 5 Stelle che lo avevano voluto a tutti i costi, e su cui avevano impostato la campagna elettorale del 2018. Questo terzo del Paese ha bisogno di sviluppo e lavoro non di continua assistenza. Di investimenti pubblici che creino le basi per una crescita effettiva, della digitalizzazione per non restare ai margini del mondo che verrà. Di un nuovo sistema scolastico ed educativo, rimasto l’ultimo in Europa e che deve recuperare l’anno perso con il Covid 19. Di un sistema sanitario efficiente sull’intero territorio nazionale, come è in Germania e nella stessa Francia.Non è più ascoltabile, chi ancora oggi, nonostante i disastri compiuti dalla sanità lombarda ai tempi del virus, afferma che i cittadini del sud del Paese vengono accolti e curati al Nord, quasi lo facessero gratis. Così si presenta il Paese alla vigilia dell’autunno più difficile dal secondo dopoguerra ad oggi. A questo terzo bisogna dare opportunità, non eterni sussidi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com