Spread in volata, 500 punti base. Piazza Affari in parità

Una nuova impennata dello spread. Dopo una settimana che l’aveva visto attestarsi sui 470 punti base, oggi in apertura di seduta vola sopra i 500. In rialzo anche il rendimento del titolo decennale che sale al 7,05%. Venerdì scorso lo spread aveva chiuso a 474 punti con un rendimento del 6,59%.
Inizio incerto per Piazza Affari. Dopo il calo iniziale gli indici si muovono a ridosso della parità. Il Ftse Mib è a -0,25% a 14.537 punti e il Ftse All Share a -0,31% a 15.240 punti. In ripresa FonSai (+4%) dopo i cali della scorsa settimana. Bene anche il credito con Intesa SanPaolo (+1,23%), Mps (+2,16%), Unicredit (+1,03%). Tra gli altri rialzi Impregilo (+2,49%). In frenata, invece, Finmeccanica (-1,94%), Fiat (-1,28%), Banco Popolare (-1,77%).

Borse di Asia e Pacifico in deciso calo con l’indice d’area Msci che cede quasi il 2%. Sul fronte delle valute il dollaro continua ad essere in rialzo, mentre scende il won che sconta l’effetto della morte del ‘caro leader’ nordcoreano Kim Jong-il. La Piazza di Seul affonda e cede quasi tre punti e mezzo percentuali. I mercati guardano poi ancora all’Europa e alla riunione dei ministri delle finanze a Bruxelles. L’euro è sotto pressione sui mercati valutari nipponici dopo che Fitch ha ventilato il taglio del rating della Francia con l’outlook negativo e una bocciatura possibile nell’arco di due anni. Mentre nuove misure posso colpire Belgio, Cipro, Irlanda, Italia, Slovenia e Spagna. Per quest’ultima, domani, è prevista una nuova asta di titoli di stato a tre e sei mesi. Cali diffusi poi per greggio, rame e e oro. A Sidney affonda Billabong (-44,2%) sulle taglio delle stime di utile. Sotto pressione le materie prime con Alumina (-6,8%), Woodside Petroleum (-3,39%). A Tokyo cedono Olympus (-8,8%), Panasonic (-4,9%), Nomura (-4,3%).

Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse di Asia e Pacifico. – Tokyo -1,26% – Shanghai -0,30% – Taiwan -2,24% – Seul -3,43% – Sidney -2,38% – Singapore +0,32% – Bangkok +0,36%.

Circa Piera Toppi

Riprova

Fatture, occhio alla conservazione: si rischiano multe fino a 7mila euro

Dal 1° gennaio 2019 è previsto l’obbligo di emettere la fattura elettronica, dal 1° luglio …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com