Palermo. Riscuotevano pensioni di parenti morti, 13 denunce

Riscuotevano regolarmente la pensione di alcuni parenti deceduti da tempo, presentandosi come delegati. E’ quanto scoperto dalla Guardia di finanza di Palermo, sotto la direzione del Dipartimento Pubblica Amministrazione della Procura del capoluogo siciliano, che hanno individuato la grossa truffa ai danni dell’Inpdap messa a segno da 13 persone . Le indagini hanno preso le mosse da una “analisi di rischio”condotta dal Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie di Roma attraverso l’incrocio di diverse banche dati. Le Fiamme gialle hanno sequestrato un’ ingente quantità di denaro ai truffatori fermati negli uffici postali di Palermo, Bagheria, Termini Imerese, Cefalù, Carini e Partinico. Dei 13 denunciati, 5 sono stati sorpresi in flagranza, ad incassare la pensione presso gli sportelli postali.  In un caso, l’intestatario della pensione era morto da 26 anni, e il parente continuava a riscuotere il denaro puntualmente ogni mese. Un altro, invece, arrotondava le somme riscosse dall’Inpdap a nome del padre defunto, con il denaro erogatogli dall’Inps a titolo di pensione di accompagnamento. Le indagini hanno portato al sequestro di 5 conti correnti (con un saldo di oltre 800 mila euro), di due libretti di deposito e del denaro contante riscosso presso gli sportelli postali (7 mila euro circa).
La somma complessivamente erogata dall’Inpdap di Palermo a persone in realtà decedute è stata sinora quantificata in oltre 1,3 milioni di euro.

Circa redazione

Riprova

Terra dei fuochi, nuovo sequestro da 200 milioni per i fratelli Pellini

Nuovo maxi sequestro da 200 milioni di euro per i fratelli Giovanni, Cuono e Salvatore …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com