Insulti al Capo dello Stato : condanna bipartisan

Oltre alle forti critiche subite per le distanze non rispettate ed il mancato uso da parte di tanti  della mascherina un’altra spiacevole nota si aggiunge alla manifestazione del 2 Giugno dei gilet arancioni.

“Hanno ucciso il fratello sbagliato” questa è la vergognosa frase insieme ad altre ad aver creato sdegno in tutta la classe politica italiana, ed in generale in ogni cittadino; durante il sit in organizzato dai gilet arancioni oltre che il vaneggiamento complottista da parte dei manifestanti sono volati insulti ed offese al Presidente Mattarella, proprio nel giorno della festa della Repubblica.

A condannare gli insulti è una reazione bipartisan da parte di tutte le forze politiche . Il segretario del  ,  fa un appello per “fermare la cultura dell’odio e dell’aggressione”.

Ferma anche la condanna, su Twitter, della leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che bolla gli insulti come “parola offensive che Fdi condanna senza se e senza ma, che non condividiamo in nessun modo e dalle quali prendiamo fermamente le distanze”.

Parla invece di “brutalità inaccettabile” il presidente della Camera, Roberto Fico Mentre la presidente del Senato, Maria Alberti Casellati, sostiene: “Ancora più  grave e inaccettabile è che gli insulti siano arrivati proprio nel giorno in cui l’Italia si è ritrovata attorno agli ideali della Repubblica e al suo Presidente che dei valori e dei principi sanciti dalla nostra Costituzione è il garante”. Il coordinatore di Forza Italia Tajani: “Ogni offesa al Presidente Mattarella è ignobile”.
Infine, arriva anche la condanna del leader della Lega, Matteo Salvini: “Chi ha offeso il presidente Mattarella e con lui tutte le vittime di mafia, si deve solo vergognare, non rappresenta l’Italia e gli italiani”

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com