vincenzo de luca

De Luca e il coro dei salernitani dopo il ritorno in A: ‘Chi non salta napoletano è’

La Salernitana è tornata in A e, come riferisce il sito Fanpage,   – subito i cori hanno rinverdito il vecchio adagio sul saltello anti-napoletano. Questa volta, però, potrebbe non essere come sei anni fa. E sì, perché ora De Luca è governatore della Regione con capitale Napoli. È istituzione e non più outsider. Se i suoi concittadini gridano che «chi non salta, napoletano è», lui dovrà difendere i partenopei. Tanto più che in entrambe le città in autunno si vota. Urge perciò gesto riparatore verso il capoluogo di Regione. Andrebbe bene tutto tranne che imporgli di gridare «forza Napoli» nella sua città. Lo farebbe volentieri. Si chiama infatti Napoli il sindaco deluchiano di Salerno.

In realtà il gioco del saltello è molto più antico visto che i tifosi al momento di gol dalla Salernitana cantavano, e forse ancora cantano: ‘Chi non salta Cavaiuolo è…’, per siglare la rivalità che esiste con Cava dei Tirreni, molto più dotata, un tempo, nel settore del commercio.

Circa Redazione

Riprova

Ink

Per quanto l’onda d’urto del fenomeno sembri scemata rispetto a qualche anno fa, secondo la …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com