Maschio, italiano, età 25-30 anni, altezza 165/70, corporatura magra, capelli corti scuri mossi, viso pentagonale, occhi piccoli scuri, sopracciglia sottili, naso medio, bocca media e labbra sottili, carnagione chiara, vestito con camicia jeans, pantaloni scuri, scarpe da ginnastica scure. E' questo l'identikit tracciato dagli agenti della Polizia di Stato dell'uomo che dopo essere salito a bordo di un taxi nella zona dell'Aurelio, condotto da una donna, si è fatto accompagnare in una strada isolata e dopo aver percosso la tassista ha abusato di lei sessualmente, rapinandola anche dei soldi. Il ritratto dell'uomo, effettuato dagli agenti della Polizia Scientifica della Questura di Roma, è stato realizzato grazie alle descrizioni fornite dalla vittima in sede di denuncia. Roma, 9 maggio 2015. ANSA/ POLIZIA DI STATO +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

Tassista violentata, confessa il 30enne fermato: “è stato un raptus”

ROMA – La polizia ha arrestato questa notte Simone Borgese, 30 anni, per aver rapinato e violentato una tassista 43enne venerdì scorso. “Ho avuto un raptus e l’ho aggredita” la confessione del romano. Si conclude così la vicenda iniziata venerdì mattina, intorno alle 7, quando Borgese era salito sul taxi della donna per farsi portare in una zona vicino a Ponte Galeria. Qui il 30enne romano ha abusato sessualmente della tassista, obbligandola a un rapporto orale, per poi rapinarla. Subito è scattata la caccia all’uomo che si è conclusa ieri sera, in meno di 48 ore. A incastrare Borgese, oltre all’identikit elaborato dal gabinetto di polizia scientifica, è stato l’aiuto di un collega della tassista. L’uomo infatti ha riconosciuto Borgese dal ritratto perché pochi giorni prima lo aveva accompagnato nella stessa zona di Ponte Galeria, dove vive il nonno di Borgese. Giunti a destinazione, il romano ha detto al tassista di non aver i soldi per pagare la corsa ma che lo avrebbe fatto in futuro, lasciandogli il numero di cellulare come garanzia. Numero su cui poi gli inquirenti hanno fatto verifiche, arrivando all’identità di Borgese. Sono così scattate le ricerche e l’uomo è stato fermato in via Pineta Sacchetti, all’angolo con via Alciato, e portato poi in Questura. Dopo un lungo interrogatorio, Borgese ha confessato dicendo che “è stato un raptus. Non riesco a spiegarmi quello che ho fatto. Non avevo minimamente immaginato che potesse finire così. Quando siamo quasi arrivati a casa mia – continua il romano – ho detto alla donna di girare per un’altra strada, sapevo che lì c’era un viottolo sterrato. Con la scusa di guardare il tassametro, mi sono sporto in avanti, l’ho colpita, ho scavalcato il sedile e l’ho costretta a un rapporto orale. Poi ho preso i soldi e sono scappato”. Dopo essere stato sentito dal pm, alla presenza dell’avvocato, è stato sottoposto a fermo e trasferito nel carcere di Regina Coeli con l’accusa di violenza sessuale e rapina. Nel passato di Borgese anche piccoli precedenti per furto e minacce al compagno della madre.

Alessandro Moschini

Circa Alessandro Moschini

Riprova

Governo, Bettini: “Renzi garantisce instabilità politica”

Matteo Renzi “garantisce l’instabilita’ politica in Italia”. A dirlo e’ Goffredo Bettini, esponente del Pd …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com