Suicidio Liverpool! Da 0 – 3 a 3 – 3 col Crystal Palace. Bye bye Premier

Finisce con la faccia incredula di Gerrard, con le lacrime di Suarez consolato dal suo capitano, coi tifosi che nonostante tutto cantano “Liverpool Liverpool”. Il Liverpool che una settimana fa doveva chiudere i conti in Premier col Chelsea, una settimana dopo si trova a doversi leccare le ferite e a dover praticamente dire addio alla Premier perché già a pari punti avrebbe vinto il Manchester City, adesso i Citizens possono operare il sorpasso decisivo. Considerando gli impegni agevoli del Manchester probabilmente anche un’eventuale vittoria oggi non sarebbe bastata ma almeno avrebbe tenuto viva la speranza di credere in un miracolo calcistico. Ed invece il Liverpool, come già accaduto domenica, ha fatto harakiri, stavolta anche peggio, pareggiando col Crystal Palace una partita che al 79’ conduceva 0 – 3. Il Liverpool, chiamato a dover recuperare un incredibile svantaggio in termini di differenza reti, ha provato a segnare ancora ma ha subito un’incredibile rimonta aperta da Delaney con un tiro deviato all’incrocio e poi con la doppietta di Gayle, appena entrato in campo, con il primo dei due gol personali arrivato addirittura in contropiede a dimostrare quanto detto prima. Il Liverpool non vince né perde ma piange perché il titolo ormai sembra definitivamente sfumato. Rimane il ricordo di una stagione incredibile, al di là di ogni più rosea previsione, ma soprattutto la dimostrazione di come il calcio sia uno sport meraviglioso ma crudele e come in Inghilterra non ci sia spazio per sospetti, biscotti o partite regalate. E se il Liverpool piange, bisogna togliersi il cappello di fronte alla partita del Crystal Palace che non ha regalato nulla. Anzi, forse regala il titolo al City.

Sebastiano Borzellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com