STREET ART, Roma. La nuova opera di Laika per il giorno della Liberazione

“2023, MIA NONNA PARTIGIANA È ANCORA ARRABBIATA”LA NUOVA OPERA DI LAIKA
“2023, MIA NONNA PARTIGIANA È ANCORA ARRABBIATA”, LA NUOVA OPERA DI LAIKA
La mattina del 24 aprile è apparsa a Roma, in Piazza Bartolomeo Romano, in uno dei quartieri simbolo della Resistenza capitolina, una nuova opera di Laika dal titolo “2023, Mia nonna partigiana è ancora arrabbiata”.
L’opera appare proprio alla vigilia della festa della Liberazione del 25 aprile, e raffigura una nonna con un fazzoletto rosso che rincorre con un matterello il presidente del Senato, Ignazio La Russa.LAIKA: “Siamo consapevoli di avere dei nostalgici al governo, lo sappiamo dall’inizio ma credo si sia sorpassato il limite. Il protagonista è sempre il ‘nostro’ presidente del Senato che tenta in continuazione di riscrivere la storia del nostro paese. Non sono bastati i musicisti semi pensionati di via Rasella, adesso ha anche il coraggio di affermare che l’antifascismo non è nella Costituzione. Questa Repubblica è nata con il sangue dei nostri nonni partigiani che hanno combattuto contro il fascismo: ogni tentativo di riabilitazione di quel periodo è un atto criminale nei confronti di chi ha perso la vita, di chi è stato perseguitato nei campi di concentramento, di chi ha sofferto.
La storia non si riscrive.
La memoria va preservata, protetta: è compito delle nuove generazioni mantenere questo impegno affinché ciò che è stato non si ripeta più.
Vorrei ricordare alla seconda carica dello stato (e al governo tutto) che l’Antifascismo è uno dei valori fondamentali del nostro paese.
Chi non è d’accordo, si faccia da parte.
Caro La Russa, mia nonna, se fosse ancora qui, sarebbe ancora tanto arrabbiata”.

La mattina del 24 aprile è apparsa a Roma, in Piazza Bartolomeo Romano, in uno dei quartieri simbolo della Resistenza capitolina, una nuova opera di Laika dal titolo “2023, Mia nonna partigiana è ancora arrabbiata”.
L’opera appare proprio alla vigilia della festa della Liberazione del 25 aprile, e raffigura una nonna con un fazzoletto rosso che rincorre con un matterello il presidente del Senato, Ignazio La Russa.

LAIKA: “Siamo consapevoli di avere dei nostalgici al governo, lo sappiamo dall’inizio ma credo si sia sorpassato il limite. Il protagonista è sempre il ‘nostro’ presidente del Senato che tenta in continuazione di riscrivere la storia del nostro paese. Non sono bastati i musicisti semi pensionati di via Rasella, adesso ha anche il coraggio di affermare che l’antifascismo non è nella Costituzione. Questa Repubblica è nata con il sangue dei nostri nonni partigiani che hanno combattuto contro il fascismo: ogni tentativo di riabilitazione di quel periodo è un atto criminale nei confronti di chi ha perso la vita, di chi è stato perseguitato nei campi di concentramento, di chi ha sofferto.
La storia non si riscrive.
La memoria va preservata, protetta: è compito delle nuove generazioni mantenere questo impegno affinché ciò che è stato non si ripeta più.
Vorrei ricordare alla seconda carica dello stato (e al governo tutto) che l’Antifascismo è uno dei valori fondamentali del nostro paese.
Chi non è d’accordo, si faccia da parte.
Caro La Russa, mia nonna, se fosse ancora qui, sarebbe ancora tanto arrabbiata”.

Circa Redazione

Riprova

‘ANNA CAPPELLI’, di Annibale Ruccello, interpretato da Giada Prandi con la regia di Renato Chiocca, dal 27 febbraio al 3 marzo al Teatro Cometa Off-Roma

Dopo il tutto esaurito dello scorso anno, torna per un’altra settimana al Teatro Cometa OFF …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com