Pensioni, come consultare e ottenere il cedolino INPS senza SPID

Dal 1° ottobre tutti i cittadini e i contribuenti interessati ad accedere ai servizi online INPS non potranno più utilizzare il codice PIN fornito dall’Istituto. Dal 30 settembre 2021, dopo una fase di transazione, il “vecchio sistema” verrà infatti archiviato a favore di quello tramite SPID, CIE o CNS, che consentirà la consultazione del proprio cassetto previdenziale tramite identità verificata. Lo stesso, ovviamente, varrà anche per i pensionati. Tuttavia, per andare incontro ai più anziani, o quelli poco avvezzi alle nuove tecnologie, esiste un’alternativa, che permetterà di consultare e ottenere il cedolino pensione INPS anche senza SPID.

Cos’è la delega dell’identità digitale per accedere ai servizi online Inps senza SPID

I pensionati sprovvisti di SPID (Clicca qui per scoprire come ottenerla), e in generale tutti i contribuenti che non riescono ad accedere al nuovo Sistema Pubblico di Identità Digitale, possono sempre far ricorso alla cd. “delega dell’identità digitale“.

La delega dell’identità digitale è lo strumento tramite cui gli utenti impossibilitati a utilizzare in autonomia i servizi online dell’INPS possono delegare una persona di fiducia all’esercizio dei propri diritti nei confronti dell’Istituto. In questo modo, la consultazione e l’ottenimento del cedolino pensione, tramite l’accesso ai servizi online, sarà sempre possibile tramite un delegato.

Di fatto, si tratta di uno strumento attraverso il quale i tutori, i curatori, gli amministratori di sostegno e gli esercenti la potestà genitoriale possono esercitare i diritti dei rispettivi soggetti rappresentati e dei minori. Non solo quindi i pensionati senza SPID, della delega dell’identità digitale possono usufruire infatti tutti gli utenti impossibilitati ad utilizzare anche la Carta di identità elettronica (CIE) e la Carta Nazionale Servizi (CNS).

Come consultare e ottenere il cedolino pensione senza SPID

Attraverso la delega dell’identità digitale ogni persona può designare un delegato e, in occasione dell’attribuzione della stessa, il delegante può definirne il termine di validità. In assenza di una data di fine della validità, la delega è attiva a tempo indeterminato, fermo restando la facoltà del delegante di revocare la delega in qualsiasi momento anche attraverso la propria identità digitale, ad esclusione dei soggetti sotto tutela, curatela, amministrazione di sostegno.

A questo punto, il delegato può accedere ai servizi dell’INPS al posto del delegante, compresi quelli che permettono la consultazione del cedolino pensione. A tal fine, dovrà autenticarsi con le proprie credenziali SPID/CIE/CNS e successivamente scegliere se operare in prima persona oppure al posto e per conto del delegante. Le attività svolte dal delegato al posto del delegante sono tracciate.

La delega, qualora sia già registrata, è valida anche per richieste presso gli sportelli dell’INPS dopo l’identificazione del delegato con il proprio documento di identità. Online, invece, il servizio permette di consultare il cedolino della pensione, verificare l’importo dei trattamenti liquidati dall’INPS ogni mese, conoscere le ragioni per cui tale importo può variare, accedere ad altri servizi di consultazione, certificazione e variazione dati.

Circa Redazione

Riprova

PAT – Scuola secondaria di Mori, oltre 13 milioni per il nuovo plesso scolastico

La Giunta provinciale, su proposta dell’assessore agli enti locali Giulia Zanotelli, nella seduta odierna ha …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com