Mills. Pm Robledo cita premier per diffamazione

Cinquecentomila euro. A tanto ammonta la richiesta di risarcimento per diffamazione avanzata dal procuratore aggiunto di Milano Alfredo Robledo a Silvio Berlusconi per le dichiarazioni che fece nel 2006 in riferimento all’inchiesta Mills. Il premier, in diverse occasioni, parlando del processo che lo vede inquisito per corruzioni in atti di ufficio, accusò di “inerzia” della Procura milanese, di “pervicace volontà accusatoria”, di “uso politico della giustizia”. Il presidente del consiglio, nella causa con il procuratore aggiunto, istruita davanti al giudice del Tribunale di Brescia Adriano DeLellis, ha sollevato però l’eccezione fondata sull’art. 68 della Costituzione: il diritto dei parlamentari a non essere chiamati a rispondere delle opinioni espresse nell’esercizio delle proprie funzioni.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com