L’Aquila ricorda il sisma del 2006. Cialente: Vogliamo tornare a vivere

Il 6 aprile 2009 resterà una data indimenticabili per tutti gli abitanti de L’Aquila. La terra tremò alle 3.32 e porto giù con sé case e vite umane: 309 vittime, più di 1500 feriti e oltre 10 miliardi di euro di danni stimati il tragico bilancio. Nel quarto anniversario di quel triste evento che sconvolse l’Abruzzo e il mondo intero l’Aquila ha voluto ricordare le 309 vittime con una fiaccolata notturna. Ma dopo quattro anni la ricostruzione delle aree colpite dal sisma è ancora ferma al palo per mancanza di fondi. E le polemiche tra autorità locali e governo centrale non si fermano. Il sindaco del capoluogo di regione, Massimo Cialente, è il più duro. “Ho cercato al telefono il premier Mario Monti e attendo che mi richiami per rinnovargli l’appello a stanziare subito dei fondi per la ricostruzione dell’Aquila che, in mancanza di soldi, è condannata a morte”. Per far rinascere la città  basterebbe comprare due caccia F-35 in meno e restituire, così, la speranza di una nuova vita a L’Aquila. Invece no. Tutto questo non succede. “Se non arriveranno subito nuovi soldi, insieme alla certezza di altri finanziamenti per la ricostruzione, la città sarà condannata a morte”, sottolinea con amarezza il sindaco. Ed intanto la città inizia a svuotarsi. In quattro anni sono andati via più di sei mila persone, soprattutto giovani.

Gli aquilani chiedono semplicemente di poter tornare a vivere nelle loro terre. E Cialente lancia un “un appello agli italiani e alle italiane” a “starci vicino come fecero al momento del terremoto. Vogliamo che sappiano che questo per noi è un momento difficile proprio come i primi giorni post-sisma, perché viviamo una vita sospesa, fatta di precarietà assoluta e se dallo Stato non arriverà una risposta crollerà anche quel briciolo di speranza rimasta”.

“Gli aquilani sono pronti a grandi mobilitazioni” e “se l’Italia deciderà di uccidere la nostra città non ci riconosceremo più come italiani”. E la speranza di continuare a vivere è iniziata con veglia e una fiaccolata alla Memoria cui hanno partecipato più di 12 mila persone.

Circa redazione

Riprova

Scossa di terremoto di magnitudo 3.5 in mare nel Riminese

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 è stata registrata alle 23.03 sulla costa romagnola, …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com