Daspo per Genny a’ carogna. La vita di Esposito appesa a un filo

Aria tesa nelle ore che precedono Napoli – Cagliari. Infatti Gennaro De Tommaso, ormai noto al mondo come “Genny ‘a Carogna”, ha ricevuto il il Daspo di 5 anni per violazione delle regole su “striscioni o cartelli incitanti la violenza o recanti ingiurie o minacce” e lo “scavalcamento e invasione di campo in occasione di manifestazioni sportive”. Quindi per la scritta sulla maglia “Speziale libero” e per essere entrato in campo a parlare con Hamsik. Inoltre, come annunciato da Angelino Alfano, “De Tommaso è stato anche denunciato alla autorità giudiziaria per rispondere di istigazione a delinquere, partecipazione a fatti di violenza e superamento di barriere”. Intanto, in vista di stasera, la Questura ha messo le mani avanti per scongiurare qualsiasi manifestazione e ha esortato i tifosi del Napoli evitare cartelli, striscioni, stendardi, emblemi, magliette, materiale stampato “dai contenuti offensivi o comunque intolleranti che incitano alla violenza” perché eventualmente sarà sospesa la partita e si procederà ai Daspo. Intanto rimangono critiche le condizioni di Ciro Esposito. Come spiegato dai medici, tramite un bollettino, Esposito è stato sottoposto ad un “intervento di emicolectomia destra per ischemia tardiva del colon, senza perforazione a seguito degli arresti cardiocircolatori intercorsi 48 ore fa”. In pratica, come spiegato dalla madre del giovane, “gli è stato tagliato un pezzo di colon”. I medici dell’ospedale romano hanno aggiunto inoltre che “permangono critiche le condizioni del paziente, ricoverato presso il Centro di Rianimazione del Gemelli, diretto dal prof. Massimo Antonelli, con la necessità di supporto farmacologico e strumentale alle principali funzioni vitali. La sua vita è appesa a un filo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com