Costa Allegra. Passeggeri sbarcheranno alle Seychelles giovedì

Non sbarcheranno più a Desroches domani,  ma a Mahè, alle Seychelles, giovedì primo marzo, i passeggeri della Costa Concordia.A darne notizia, la Costa Crociere spiegando che ha spiegato che, “a fronte delle approfondite e accurate verifiche effettuate con il supporto di esperti marittimi locali, per garantire la massima sicurezza degli ospiti a bordo, non sarà possibile effettuare lo sbarco degli ospiti sull’isola di Desroches, ed è stato pertanto deciso che la nave verrà trainata fino a Mahe, Seychelles”.
“Lo sbarco sull’isola di Desroches – ha aggiunto l’azienda in una nota – non garantisce le necessarie e adeguate condizioni di sicurezza per l’attracco della nave e lo sbarco degli ospiti. Inoltre i supporti logistici e alberghieri sull’isola non sono sufficienti: questo renderebbe necessario, dopo lo sbarco dalla nave attraverso lance, un immediato trasferimento su traghetti da Desroches a Mahe.

Un motopesca sta trainando la nave, rimasta in avaria al largo dell’arcipelago dopo un incendio divampato ieri, e poi spento, nei locali generatori. Intanto un elicottero porta cibo ai passeggeri e strumenti di comunicazione come telefoni satellitari e radio VHS. Le condizioni meteo sono buone.

Agli ospiti della nave è stato detto di preparare i bagagli in giornata per essere pronti quando sarà il momento di sbarcare. Questa mattina, ha fatto sapere la Costa Crociere, è stata servita loro una colazione fredda.

A bordo della nave ci sono anche nove membri anche la Marina. “Non ci sono rischi di atti di pirateria, ma non si può essere sicuri al 100%”, ha detto Giorgio Moretti, che guida le operazioni marittime della compagnia. Intanto ieri, dopo aver contattato tutti i numeri di emergenza dei 627 passeggeri a bordo, tra cui italiani, la Costa ha avvisato i parenti e le famiglie di 402 di loro. I passeggeri stanno tutti bene. La nave, che è rimasta in avaria 200 miglia a Sud Ovest delle Seychelles e a circa 20 miglia da Alphonse Island, è lunga 187 metri per 28.500 tonnellate di stazza.

Remo Di Fiore, sindacalista dei marittimi, ex segretario nazionale della Fit-Cisl è intervenuto con una intervista a Repubblica sul caso della Costa Allegra. “Il vero male – ha detto – quello che può distruggere tutto, è il gigantismo navale. E non parlo solo di navi da crociera, ma anche di traghetti, sempre più grandi, dove caricare più gente possibile. E dove magari lei si imbarca e va direttamente a dormire in cabina, senza che nessuno le dica niente sulle norme di sicurezza”. “Il gigantismo navale – ha proseguito – spinge a costruire navi sempre più grandi con biglietti a costi sempre più competitivi. Questa è una macchina infernale, che va fermata”. Si rischia, secondo Di Fiore, “che a lungo andare si esasperi un mercato che, seppur controllatissimo, può evidenziare delle problematicità. Le grandi navi esasperano il business, rincorrono le economie di scala”.

Circa redazione

Riprova

Strage di Altavilla, si indaga su una setta con almeno 10 adepti

Dietro a Giovanni Barreca, il muratore che ha ucciso moglie e figli ad Altavilla Milicia …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com