Atletico e Liverpool…il traguardo è lì!

Atletico Madrid e Liverpool, due storie simili. Il piccolo Davide a un passo dal trionfo contro i Golia di Liga e Premier League. Due squadra a un passo piccolissimo da due incredibili capolavori, da due miracoli sempre più concreti dopo l’ultimo weekend. Partiamo dalla Spagna con l’Atletico Madrid che ha faticato ma alla fine ha superato l’Elche. Ci sono voluti settanta minuti e un’incornata di Miranda per sbloccare una partita che si era fatta complicata con l’Atletico a fare la partita e l’Elche ad essere pericolosissimo in contropiede. Ma l’Atletico è squadra che ha un carattere pazzesco, come il suo mister Simeone che carica a mille i suoi ragazzi, minuto dopo minuto, e così, nonostante un pesante rigore sbagliato da Villa, i Colchoneros riescono a trovare il bandolo della matassa con un difensore, Miranda appunto, prima che il solito Diego Costa chiuda i conti al 90’. La vittoria avvicina i biancorossi al titolo perché, quando mancano quattro partite al termine, il Barcellona è lontano quattro punti, il Real sei ma con una partita da recuperare e uno scontro diretto sfavorevole. Il Real deve ancora giocare la sua partita, il Barcellona ha invece vinto soffrendo contro l’Athletic Bilbao in vantaggio con Aduriz e rimontato in tre minuti grazie a Pedro e Messi. E, se possibile, è ancora più vicino alla meta il Liverpool che ieri ha battuto il Norwich 2 a 3 grazie al solito Suarez e a Sterling, autore di una doppietta quasi decisiva nella corsa alla premier perché, quando mancano tre partite alla fine, il Chelsea ha perso incredibilmente in casa col Sunderland spianando la strada ai reds. Perché domenica Liverpool e Chelsea si sfideranno ad Anfield ma i blues non avranno la possibilità, come speravano, di operare il sorpasso in caso di vittoria. Anzi, la partita è l’occasione per il Liverpool per chiudere i conti, City permettendo però perché i Citizens oggi, che oggi ospitano il west Bromwich, sono a meno nove ma con due partite da recuperare. Per cui potenzialmente il ritardo è di tre lunghezze. Ecco che allora Aguero e soci per sperare di agganciare i reds devono confidare nell’aiuto di un Mourinho furioso contro l’arbitro della sfida col Sunderland e contro il designatore che a suo dire, errore dopo errore, avrebbe condannato il Chelsea a rischiare di non vincere questa Premier che, al di là di tutto, il Liverpool sta pienamente strameritando alla luce di undici vittorie di fila, dei 96 gol complessivi, del + 52 nella differenza reti, di un gioco spettacolare nonostante, sulla carta, in squadra non ci sia la classe di altre concorrenti.

Sebastiano Borzellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com