Algeria. La neve causa morti e polemiche

Da tre giorni, l’Algeria è ancora ostaggio dell’ondata di freddo e neve, e che ha provocato molti decessi (soprattutto causati dal malfunzionamento di stufe, oltre che da incidenti stradali per il ghiaccio) e, insieme, lo scatenarsi delle polemiche su quella che oggi il quotidiano el Watan (spesso critico verso le istituzioni) definisce la “incredibile inerzia” del governo. Secondo le ultime notizie, la situazione è critica soprattutto in Cabilia e nella regione degli altipiani, dove, in mancanza di interventi delle autorità, si fanno i conti con la perdurante mancanza di energia elettrica e con le strade bloccate. Cosa che sta rendendo impossibile l’approvvigionamento delle comunità locali di generi alimentari e del carburante, sia per gli automezzi che per i generatori. La rabbia delle gente è rivolta allo Stato che, dicono gli abitanti delle località isolate, si limita a raccogliere le lamentele e a nient’altro. Una situazione eccezionale (era dal 2005 che non si registravano temperature così base, così come nevicate di tale intensità), dicono i cittadini, richiederebbe risposte eccezionali, che invece non arrivano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com