Svelate 22mila identità di jihadisti Is. E spunta il ‘test d’ingresso’: attentatore o soldato?

Per il 70 per cento sono arabi ma ci sono anche americani,francesi, tedeschi e inglesi tra le reclute del sedicente Stato Islamico. Lo rivelano 1.736 documenti dell’Is circa l’identità di 22mila sue reclute. Nei file consegnati da un ‘pentito’ a Sky News ci sono i nomi, le date di nascita, la nazionalità, gli indirizzi, i contatti familiari, il livello di istruzione e il gruppo sanguigno di cittadini provenienti da almeno 51 paesi. Secondo il sito di informazione vicino all’opposizione siriana Zaman al-Wasl, un quarto dei miliziani indicati nei documenti è saudita e il resto prevalentemente tunisini, marocchini ed egiziani.

I documenti ora in possesso dell’intelligence tedesca dimostrano anche le modalità con cui il gruppo di Abu Bakr al-Baghdadi arruola i suoi adepti. E’ previsto un vero e proprio ”questionario di ammissione”, con 23 domande. Tra queste anche la possibilità di scegliere se si preferisce essere usati come attentatori suicidi, soldati o in un altro ruolo; si chiede inoltre di fornire i dettagli di qualsiasi “esperienza jihadista fatta in precedenza”.

Sedici i jihadisti britannici che figurano nella lista, quattro quelli americani, sei dal Canada, Francia e Germania. Tra i britannici anche Abdel Bary, l’ex rapper londinese di 26 anni che si è unito all’Is nel 2013 dopo essere stato in Libia, Egitto e Turchia. C’è poi Reyaad Khan, 21 anni, nato a Cardiff e ucciso ad agosto in Siria in un raid aereo britannico, e l’hacker Junaid Hussein, ventenne, ucciso invece in un raid Usa. Ma ci sono anche persone non note alle autorità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com