WhatsApp avvisa gli utenti Android e iOS: cosa cambia dall’11 aprile

Dall’11 aprile sarà più semplice comunicare da whatsapp su altre app di messaggistica

WhatsApp sta avvisando i propri utenti che presto ci saranno grandi cambiamenti all’interno dell’app di messaggistica. Il motivo è la nuova legge europea contro i gatekeeper, il Digital Markets Act. Le più grandi aziende del web dovranno garantire una nuova funzione chiamata interoperabilità.

L’idea dei legislatori europei è quella di rompere i sistemi chiusi che molte aziende, come Meta o Apple, tenterebbero di creare rendendo le loro applicazioni compatibili soltanto con altre che appartengono allo stesso proprietario. Per WhatsApp questo potrebbe significare permettere agli utenti di chattare anche verso altre applicazioni di messaggistica come Telegram o Signal.

La norma particolare che Meta dovrà rispettare è quella che applica il principio dell’interoperabilità. Le applicazioni di messaggistica, secondo quanto riportato dalla legge, dovrebbero comunicare tra loro o almeno non impedire ai propri utenti di mandare messaggi ad altre applicazioni simili. Per questa ragione, dall’11 aprile WhatsApp potrebbe consentire di mandare messaggi anche agli account Telegram o Signal.

Le controparti si sono già sfilate da questo obbligo, in quanto la legge non li riconosce come gatekeeper e quindi non li costringe ad avere questo tipo di comunicazione con la concorrenza. Meta al contrario è vista come un’azienda che sfrutta la sua posizione dominante per integrare i propri servizi e chiudere alla concorrenza il mercato digitale. Non è chiaro ancora come WhatsApp intende implementare questo cambiamento, ma il risultato dovrà essere comunque la possibilità di mandare messaggi anche ad applicazioni di altre aziende.

Il Digital Market Acts si propone di individuare, impedire ed eventualmente punire il cosiddetto gatekeeping. Si tratta di un comportamento che alcune aziende molto grandi possono adottare per chiudere un consumatore all’interno di un sistema di applicazioni e prodotti di proprietà della stessa azienda, facilitando l’accesso da un prodotto molto conosciuto.

Un esempio di questo comportamento è quello che fa Alphabet con il suo prodotto di punta, Google. Fino a pochi mesi fa dal motore di ricerca era quasi automatico arrivare ad altri siti che forniscono servizi molto diversi. Google News, Google Maps, YouTube e altri erano integrati in modo tale da spingere l’utente lontano da altri servizi simili. Il Dma ha costretto Google a togliere questa integrazione, a meno che l’utente non si premuri a riattivarla.

Circa Redazione

Riprova

PINTER PARTY di LINO MUSELLA in scena al San Ferdinando di Napoli fino al 21 aprile

E’ tra i più attesi debutti della Stagione Teatrale in dirittura d’arrivo lo spettacolo Pinter …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com