Tomasi vice-vicario dell’Anci: “Il terzo mandato? Oggi non ci sono le condizioni”

Alessandro Tomasi, 44 anni, primo cittadino di Pistoia al secondo mandato, è vicepresidente vicario dell’Anci.

Tomasi è vicepresidente vicario dell’Anci, primo esponente di FdI a ricoprire questo ruolo:  ‘Sì sono il primo. In questi anni abbiamo lavorato bene, tutti noi sindaci, al di là delle appartenenze politiche, anteponiamo il ruolo di sindacato e affrontiamo con concretezza temi e problematiche trasversali. Cerchiamo di tenere fuori le bandierine di partito. Anche nella discussione del consiglio direttivo abbiamo affrontato problemi comuni, fatto un bilancio dei risultati raggiunti e di quello che manca. Il nostro obiettivo è quello di rendere la vita facile ai comuni, che sono il primo ente con cui i cittadini si interfacciano. Sono convinto che l’esperienza amministrativa si maturi sul campo. Vengo da dieci anni di consiglio comunale di Pistoia e 7 da sindaco. La gavetta è importante, ci tengo ad evidenziarla pensando alla stagione di anti-politica quando aver fatto il consigliere in un piccolo comune era giudicato qualcosa di inopportuno. Invece è un valore aggiunto, perché significa conoscere la città, le pratiche amministrative, comprendere i problemi della collettività e sapersi confrontare con il governo. Un’altra cosa importante che porto con me è la mia città, che rappresenta le città capoluogo di provincia con circa 100mila abitanti, un’identità molto diversa da quella delle grandi città metropolitane. L’Anci ha trovato nel governo sempre un atteggiamento di ascolto per affrontare i problemi in modo concreto e dare risposte effettive, ovviamente in base a un bilancio nazionale di cui non si può non tener conto. Premetto di essere rispettoso del ruolo dell’Anci che, come è noto, ha espresso una posizione molto chiara a favore del terzo mandato. Da esponente politico condivido la posizione del governo che non si possa trattare un argomento così importante a due mesi dalle elezioni, quando si personalizza la battaglia su questo o quell’altro nomi. Oggi non c’è la serenità necessaria, non ci sono le condizioni politiche per ragionare insieme sull’architettura generale che tenga conto della riforma del presidenzialismo e dell’autonomia differenziata. Fare il sindaco o il governatore con dedizione e serietà è un impegno enorme che ti consuma, che ti impiega tutte le energie. Quindi il tema del ricambio esiste, anche come strumento di crescita delle classi dirigenti. Voglio ricordare che l’estensione del primo mandato per i piccoli comuni fu una necessità perché non si trovavano cittadini disposti a candidarsi, era molto complicato anche per gli stipendi praticamente inesistenti. Quello che serve è una riforma seria degli enti locali con l’apporto di tutte le forze politiche’.

Circa Redazione

Riprova

Europee: liste Pd e scelte della Schlein

Nel Pd è il giorno della presentazione delle liste per le Europee. Ed è anche …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com