Scontri in Siria, centinaia di persone scappano per sfuggire ai massacri

Gli scontri in Siria continuano senza segno di tregua. E’ di queste ore la notizia di centinaia di siriani che si sono rifugiati nel centro del Paese nei pressi della città di Banyas e del villaggio di Baida, dove la Coalizione nazionale siriana ha denunciato “che le forze di Bashar al-Assad sono direttamente coinvolte”, così come dicono le fonti locali,  nell’uccisione di ”almeno 150 persone, donne e bambini compresi”. Secondo gli attivisti, il villaggio sunnita di Baida è  stato colpito giovedì , dalle forze del regime di Damasco, che hanno massacrato almeno 50 civili, tra cui donne e bambini. Stesso scenario è poi stato denunciato, anche tramite video postati online, nel quartiere di Ras al-Nabaa nella città costiera di Banyas. Responsabili dei massacri sarebbero le milizie pro governative note come Shabbiha. La Bbc sottolinea la forte dimensione settaria di questi attacchi contro la popolazione civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com