Salvini e Vannacci, insieme per il parlamento europeo

Per Salvini il generale Vannacci può essere per la Lega un super-candidato per le Europee, anche se sta scavando un fossato con gli alleati di governo. In particolare con Fdi, il partito di Guido Crosetto, il  ministro della Difesa da cui è nato il procedimento disciplinare contro Vannacci,  sospeso per 11 mesi dall’incarico, con dimezzamento dello stipendio e a rischio di ulteriori complicazioni anche penali a causa del suo libro. Il cofondatore di Fdi non viene mai nominato dai leghisti, ma è forte il sospetto che le inchieste a ridosso delle elezioni contro il prossimo probabile capolista della Lega abbiano un input politico. Accusa totalmente respinta dal ministro della Difesa che fa uscire una nota con la tempistica dettagliata del procedimento formale dell’Esercito e aggiunge un avvertimento diretto a Salvini: ‘Sto finendo le guance da porgere’. Il generale – 230mila copie vendute con Il mondo al contrario – è considerato dal leader leghista un jolly che può regalare alla Lega fino a 3 punti percentuali vitali per arrivare alla doppia cifra e restare il secondo partito della coalizione. Salvini è in contatto diretto con Vannacci, ma fino all’ultimo non verrà annunciato nulla, mentre il generale continua a prendere tempo.

Vannacci e Salvini, parlano  all’unisono: ‘Un’inchiesta al giorno, siamo al ridicolo, quanta paura fa il generale? Viva la libertà di pensiero e di parola, viva le Forze Armate e le Forze dell’Ordine, viva uomini e donne che ogni giorno difendono l’onore, la libertà e la sicurezza degli Italiani’.  scrive su X Salvini subito dopo la notizia della punizione inflitta al militare.

‘Ringrazio di cuore chiunque mi esprima vicinanza, compreso il ministro dei Trasporti Matteo Salvini – risponde poco dopo Vannacci -. Continuerò ad andare avanti e a rivendicare la libertà di espressione’. Probabilmente, non più nelle vesti di militare ma in quelle di europarlamentare.

Alla Scuola di formazione politica della Lega Salvini è tornato sull’argomento: ‘Il generale Vannacci, un uomo che ha rischiato la vita per i suoi ragazzi, per questo Paese, per la bandiera. Io l’ho conosciuto dopo aver letto libro, e stavo facendo il conto alla rovescia. Cinque, quattro, tre, due, uno… indagato! Vuole candidarsi forse con la Lega? Indagato!’.

Il partito  è diviso sul generale, in molti, specie nella Lega in Veneto, non condividono l’entusiasmo del segretario per la candidatura di Vannacci, ‘cosa c’entra con la nostra storia?’ si chiedono big come Roberto Marcato, assessore con Zaia. Dagli alleati, non solo da Fdi ma anche da Forza Italia, invece sul generale con la divisa ormai leghista arrivano solo silenzi gelidi.

Circa Redazione

Riprova

Un’altra lista si chiamerà “Stati Uniti d’Europa”: rosa nel pugno e nessun riferimento a Renew Europe

Ci saranno  due liste con la dicitura “Stati Uniti d’Europa” alle prossime elezioni europee di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com