Resta alta tensione, spread Btp-Bund sopra 400

Roma  – Lo spread Btp-Bund risale sopra quota 400 punti base (402) con il rendimento del Btp a 10 anni al 5,70%.
Il differenziale tra la carta decennale italiana e tedesca rivede così i livelli più alti da febbraio scorso. Lo spread tra i titoli spagnoli e tedeschi è a 431 punti base con il rendimento dei Bonos che tocca di nuovo la soglia critica del 6%. Pressione anche sui bond francesi: il divario Francia-Germania sfiora i 150 punti base a 148,8.

Germania,indice Ifo sale a 109,9 ad Aprile – In Germania l’indice Ifo, che misura il clima di fiducia delle imprese tedesche, è salito ad aprile a 109,9 da 109,8 del mese precedente. Il dato batte le attese di un calo a 109,5.

Europa in rialzo dopo Ifo Tedesco,Milano +0,15% – Dopo una partenza in ordine sparso sono tutte in positivo le Borse europee dopo il dato sull’andamento del clima degli affari in Germania ad aprile (indice Ifo), risultato superiore alle attese e in crescita rispetto al mese precedente. E’ scattata brevemente anche Milano, arrivando con l’Ftse Mib in rialzo fino a un rialzo dello 0,51%, per riportarsi però più cauta in crescita dello 0,15%. A livello settoriale, appaiono ben comprati nel Vecchio Continente i titoli delle banche (+1,03% il Dj Stoxx di settore), e gli assicurativi (+0,83%). Giù gli energetici (-0,80%) e i tecnologici (-0,71%). Nella tabella l’andamento degli indici di riferimento delle principali Borse europee. – Londra +0,17% – Parigi +0,38% – Francoforte +0,70% – Milano +0,15% – Madrid +0,48% – Amsterdam +0,46% – Stoccolma +0,33% – Zurigo +0,17%.

Asia in calo, pesano timori su congiuntura Europa –  Borse asiatiche contrastate e nel complesso in calo, sulla scia di alcuni risultati societari inferiori alle attese, e il nervosismo degli operatori circa l’andamento economico europeo, con particolare attenzione ai dati sulla fiducia delle imprese tedesche (indice Ifo). Le quotazioni delle materie prime sono in rialzo, sulle scommesse di un intervento della Cina per alleggerire le politiche monetarie a sostegno della crescita. Tra le grandi società dell’area che hanno diffuso dati deludenti, si segnala la sud coreana Lg Chem, che ha fatto un tonfo del 9,2%. “Questo è un mercato si attende cattive notizie dall’Europa – ha detto a Bloomberg il responsabile dei cambi a Sydney di Nomura, Kurt Magnus -. Non c’é fiducia sui mercati azionari, che significa che non c’e fiducia”.

Nella tabella l’andamento degli indici di riferimento delle principali Borse dell’area Asia-Pacifico. – Tokyo -0,27% – Hong Kong +0,21% – Shanghai +1,17% – Taiwan -1,52% – Seul -1,26% – Sydney +0,09% – Mumbai -0,04% – Singapore -0,15% – Bangkok +0,41% – Giakarta +0,07%.

Wall Sreet chiude in calo, DJ -0,53%, NASDAQ -0,79% – Chiusura in calo per Wall Street, con il Dow Jones che scende dello 0,53 per cento, a 12.964,10 punti, il Nasdaq che scende dello 0, 79 per cento, a 3.007,56 punti, e lo S&P 500 che scende dello 0,59 per cento ,a 1.376,92 punti.

(Ansa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com