Quei meandri oscuri del potere  

Da sempre la classe politica italiana e in special modo quella che si è identificata con la cosiddetta Seconda Repubblica, soffre di un complesso di inferiorità e/o sudditanza nei confronti degli apparati più delicati dello Stato ed in particolare dei corpi deputati a controllare e a reprimere: poliziaam, carabinieri, guardia di finanza, servizi segreti. Da sempre questo rapporto è stato caratterizzato da profonda ambiguità. Tutti quegli apparati che secondo il dettame della Costituzione dipendono dal Governo nel suo complesso, nel corso degli anni hanno acquisito una sempre maggiore autonomia e in quanto tali , capaci di influenzare il sistema politico, beninteso cogliendone anche il  suo progressivo  indebolimento, fino a raggiungere uno status di separatezza e quindi a rappresentarsi quali altri centri di potere talvolta autonomi e indipendenti. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: questi corpi dello Stato hanno acquisito sempre più autorevolezza ma nello stesso tempo si sono sempre di più ammantati di una coltre di opacità e non riconoscibilità e divenendo sempre meno partecipi di una credibile dialettica democratica. Negli anni passati abbiamo assistito a vere e proprie storture e deviazioni e i più di una circostanza alti esponenti di questi apparati sono rimasti coinvolti in attività illegali. A volte con strani connubi con la politica hanno tentato manovre autoritarie al limite del golpismo . L’indagine di Perugia portata avanti dal Procuratore Cantone sta facendo emergere dati e situazioni raccapriccianti. Del resto bisogna anche sottolineare che i corpi di polizia oltre al compito di contrasto dei reati , svolgono anche un’opera di prevenzione che li porta giocoforza a venire in possesso di informazioni riservate , a raccogliere notizie e a crearsi un’autonoma rete di conoscenze. E si badi bene, non sono solo i segreti del potere, ma anche quella parte più oscura e imperscrutabile dello stesso potere. Alcuni apparati dello Stato posseggono le chiavi di accesso a segreti delicatissimi e pericolosissimi  e con ciò hanno costituito un vero e proprio potere non soggetto a vincoli . E’ stata questa il fine di un’azione che a partire dal 2018 ha portato a scaricare i dati di operazioni finanziarie e bancarie e migliaia di conti correnti intestati a gran parte della classe dirigente del nostro Paese . E allora sorge spontanea la domanda: “Si può credere che tutto sia partito dall’iniziativa solitaria del maresciallo di turno“? Posta in questi termini il fatto appare grottesco e per nulla credibile. Ciò che va invece sottolineato e analizzato con oculatezza  e ‘ che l’accesso ai conti bancari dei cittadini evidenzia uno strappo particolarmente forte nel nostro tessuto democratico, rendendo particolarmente deboli e indifesi parti importanti del nostro apparato istituzionale e sociale, favorendo nel contempo la possibilità di creare una rete di influenze, ricatti , intimidazioni, estorsioni . In questo modo si viola la libertà dell’individuo e si minano le fondamenta dell’ordinamento democratico. Bisogna anche dire che una buona dose di colpa va ascritta alla classe politica italiana di questi ultimi anni, di qualità non propriamente eccelsa e in quanto tale rende fragili e instabili tanti esponenti dei partiti e delle istituzioni. Quindi una classe politica che patisce il complesso di inferiorità nei confronti degli apparati dello Stato, barcamenandosi tra timore e alleanze è destinata alla sudditanza. Questo mette in risalto il suo fallimento. Solo se la politica tornerà ad interpretare il ruolo che le compete, a rimarcare la sua autonomia, di sapere governare e dirigere gli apparati dello Stato, solo allora potrà sottrarsi al al giogo del ricatto.
Andrea Viscardi

Circa Andrea Viscardi

Riprova

Il terrorismo transnazionale,  come le mafie, l’altra faccia oscura della globalizzazione

Si tratta di un serpente con molte teste. L’11 settembre, l’attentato alle torri gemelle, d’improvviso …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com