Per contrastare i bracconieri e proteggere gli animali, arrivano i droni

Il Wwf per proteggere le specie di animali in estinzione e contrastare il bracconaggio, ha pensato di ricorrere ai droni. Stando a quanto riporta oggi il quotidiano britannico Guardian, entro la fine dell’anno, verranno disposti “gli occhi nel cielo”, in un Paese dell’Africa e dell’Asia. Un secondo velivolo senza pilota monitorerà un secondo Paese nel 2014, nell’ambito di un’iniziativa da 5 milioni di dollari per contrastare le attività illegali che minacciano l’ambiente.
La notizia arriva dopo l’allarme lanciato nei giorni scorsi per l’uccisione in un anno di 688 rinoceronti in Sudafrica e di oltre 11.000 elefanti in Gabon a partire dal 2004; un massacro causato dal commercio illegale di avorio sostenuto dalla domanda di Asia e Medio Oriente, dove le zanne di elefante e i corni dei rinoceronti vengono usati come ornamenti e nella medicina tradizionale.
Il progetto del Wwf punta a combinare i dati raccolti dai droni, dalla tecnologia telefonica che segue i movimenti degli animali e della strumentazione usata dalle guardie forestali per contrastare i bracconieri. Allan Crawford, responsabile del progetto, ha sottolineato al Guardian come la combinazione di software e droni, che saranno gestiti dalle guardie forestali o dalle autorità locali, dovrebbe favorire “un dispiegamento strategico dei ranger nel modo più efficace dal punto dei vista dei costi, in modo da formare uno scudo tra animali e bracconieri”.

Circa redazione

Riprova

Genova, si allarga l’inchiesta sulla presunta corruzione che ha portato agli arresti Giovanni Toti

Questa settimana potrebbe rivelarsi fondamentale per l’inchiesta sulla presunta corruzione che ha scosso la Liguria …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com