Pensioni, la Regione Campania raddoppia le minime: come funziona il piano De Luca

Per far fronte alla grave situazione che si è determinata con l’epidemia da Covid-19, la Regione Campania ha deciso di varare un programma speciale di aiuti con un maxi stanziamento pari a 908 milioni di euro.

Il Piano per l’Emergenza Socio Economica voluto dal governatore Vincenzo De Luca contiene specifiche misure di sostegno a famiglie e imprese campane.

L’obiettivo è quello di offrire alle fasce più deboli della popolazione e al sistema produttivo campano un sostegno concreto per affrontare al meglio le conseguenze di settimane di stop dell’attività sociale e lavorativa.

Oggi, finalmente, partono i bonus per chi percepisce le pensioni minime e per i lavoratori stagionali del turismo. Una “giornata storica” l’ha definita De Luca.

In particolare, riceveranno il complemento a 1.000 euro (dai 450 ai 650 euro di partenza) 170.317 pensionati titolari di assegni sociali, pensioni sociali e pensioni di vecchiaia integrate al minimo. De Luca lo aveva promesso a inizio maggio: “Daremo un bonus a 250mila pensionati per portare le pensioni minime e sociali fino a 1000 euro, per i mesi di maggio e giugno” aveva detto.

I pensionati che ricevono la pensione mediante accredito su libretti postali, conti correnti e carte ricaricabili – quasi il 92% degli interessati – riceveranno l’integrazione della Regione Campania della mensilità di maggio con valuta 29 maggio.

Coloro che, invece, ritirano la pensione per cassa allo sportello postale – poco più dell’8% degli interessati – potranno recarsi presso gli uffici postali a partire dal 4 giugno. In quest’ultimo caso i pensionati che dovranno andare a ritirare il bonus regionale presso gli sportelli postali riceveranno, entro il 4 giugno, apposita comunicazione da parte di Poste Italiane.

Sempre con valuta 29 maggio, 19.596 lavoratori stagionali del turismo riceveranno la prima mensilità, delle quattro previste, dell’integrazione regionale pari a 300 euro.

Il Piano Socio Economico della Regione Campania suddivide gli aiuti in sei categorie: microimprese, professionisti, famiglie, studenti, casa e migranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com