PAT – Protocollo di finanza locale: approvata l’integrazione 2023 e l’accordo per il 2024

La Giunta provinciale su proposta dell’assessore agli enti locali Mattia Gottardi ha approvato, dopo il via libera all’unanimità espresso in mattinata da parte del Consiglio delle autonomie locali, l’integrazione al protocollo d’intesa sulla finanza locale relativa all’anno 2023 e l’accordo nella stessa materia per l’anno 2024.

È stata così anticipata l’intesa valida per il prossimo anno, un atto che solitamente viene sottoscritto in autunno. In tal modo, considerando la scadenza di ottobre per il rinnovo del Consiglio provinciale, si dà la possibilità agli enti locali di programmare la gestione finanziaria per il prossimo esercizio.
“Con questo importante atto la Giunta provinciale conferma gli impegni politici a sostegno degli enti che garantiscono servizi essenziali sul territorio. Vengono così rese disponibili rilevanti risorse per opere comunali, scuole, acquedotti e messa in sicurezza di territorio e viabilità”, spiega l’assessore Gottardi. “Un’attenzione garantita anche dalla decisione di anticipare l’intesa 2024, che è mirata a fornire agli stessi enti gli elementi giuridici e finanziari necessari per dare continuità alla propria programmazione del bilancio e dei servizi”.

In particolare, per l’anno 2023 si è dato corso agli impegni assunti nel Protocollo d’intesa in materia di finanza locale sottoscritto a novembre 2022. Vengono, infatti, rese disponibili ulteriori risorse riservate agli investimenti dei Comuni per complessivi 87 milioni.
Queste le assegnazioni nello specifico: 40 milioni di budget per la manutenzione del patrimonio comunale e 17 milioni di fondo di riserva, destinato alle opere di natura urgente connesse all’erogazione di servizi essenziali. Inoltre sono resi disponibili ulteriori 30 milioni destinati al sostegno degli interventi relativi all’edilizia scolastica (per un totale quindi di 87 milioni dedicati agli investimenti). In particolare per l’edilizia scolastica viene elevato a 48,5 milioni di euro l’ammontare complessivo destinato a tale tipologia di investimenti.

Per quanto riguarda la parte corrente, le risorse sono state adeguate in ragione delle dinamiche intervenute nel primo semestre dell’anno.

A seguire, con riguardo al 2024, sono stati concordati gli elementi necessari per consentire agli enti locali di programmare l’attività gestionale e procedere con l’approvazione del bilancio di previsione 2024-2026, pur non pregiudicando la possibilità per la nuova Amministrazione provinciale, compatibilmente con le risorse disponibili, di porre in essere nuove politiche, con particolare riferimento agli investimenti.
Per quanto riguarda la parte corrente, quindi, viene confermata la manovra IMIS attualmente in vigore e vengono rese disponibili le risorse necessarie per garantire la continuità nell’erogazione dei servizi. Inoltre, al fine di accompagnare i Comuni nell’attuale contesto di incertezza economico-sociale, viene reso disponibile un fondo integrativo a sostegno della spesa corrente, con una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro.

Inoltre, in tema di tutela del territorio, per far fronte all’emergenza bostrico, viene assicurato il finanziamento delle ulteriori unità di personale eventualmente assunte per potenziare gli interventi sul territorio finalizzati alla salvaguardia del patrimonio forestale.

Circa Redazione

Riprova

ANNIVERSARIO DELL’AUTONOMIA SICILIANA, ANCI SICILIA: ”DOPO LE ELEZIONI SI AVVIINO INIZIATIVE CONCRETE PER UNA PIENA ATTUAZIONE DELLO STATUTO”

“Ancora una volta a quasi 80 anni di distanza dall’approvazione dello statuto Siciliano, di fronte …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com