Notte di sangue in Egitto, almeno 30 morti. Letta: “riunione d’urgenza con Bonino”

Venerdì di sangue in Egitto dove almeno  26 persone sono morte  e centinaia sono rimaste ferite, negli scontri seguiti alla deposizione di Morsi. Nella notte l’Alleanza nazionale a sostegno della legittimità, un cartello di partiti e movimenti islamici di cui fa parte anche la Fratellanza, ha annunciato proteste pacifiche per il re insediamento di Morsi. Morsi. Contemporaneamente la polizia ha arrestato Khairat al-Shater, uno dei più influenti collaboratori di Morsi. Intanto ad Alessandria, almeno 12 persone sono morte nella battaglia per le strade tra sostenitori e oppositori dei Fratelli musulmani. Al Cairo due persone sono state uccise a Piazza Tahrir in uno scontro a fuoco tra islamici e i loro oppositori e altri quattro morti si sono registrati nei pressi del quartier generale della Guardia repubblicana dopo che alcuni militanti islamici hanno tentato di raggiungere l’ingresso.

Nel nord della penisola del Sinai militanti pro-Morsi hanno assaltato la sede dell’autorità provinciale ad al-Arish e hanno issato una bandiera nera qaedista.

Intanto Ban Ki-moon,segretario generale dell’Onu, ha lanciato un appello agli egiziani affinché evitino di ricorrere a vendette ed escludino partiti e comunità dalla vita politica, dopo il colpo di stato tecnico che ha deposto il presidente islamista Mohamed Morsi. Per superare in modo pacifico l’attuale congiuntura “non c’e’ posto per le rappresaglie o per l’esclusione di importanti partiti o comunita’”, ha avvertito il numero uno del Palazzo di Vetro, citato dal portavoce dell’Onu, Farhan Haq.
Ban ha spiegato di seguire “con crescente preoccupazione” gli sviluppi della crisi egiziana, da cui arricano “inquietanti notizie” di arresti e restrizioni della liberta’ di espressione e “orribili racconti di violenze sessuali”. Il segretario generale dell’Onu ha chiesto alle forze di sicurezza di “proteggere i manifestanti e impedire scontri violenti” e ha invitato chi scende in piazza a farlo “in modo pacifico”.
Per Ban l’Egitto e’ “a uno snodo critico” e deve pianificare un ritorno pacifico a un governo civile e democratico.

Letta: “Riunione d’urgenza con Bonino”. “Ora riunione d’urgenza con Bonino su Egitto. Angoscia per escalation violenza, auspico transizione rapida, inclusiva di tutte le parti”. Lo ha scritto il presidente del Consiglio italiano Enrico Letta, annunciando una riunione a Palazzo Chigi con il ministro degli Esteri.

Circa redazione

Riprova

Unicef: “Più di un bimbo su 4 in grave povertà alimentare”

Più di un bambino su quattro sotto i 5 anni nel mondo vive in “grave …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com