‘Navalny ucciso con un pugno al cuore, metodi da Kgb’

Un pugno al cuore dopo essere stato esposto per molto tempo a condizioni di congelamento: così, secondo una fonte citata dal Times, sarebbe stato ucciso Alexei Navalny, dopo che nei giorni scorsi la vedova Yulia Navalnaya aveva invece accusato direttamente il presidente Vladimir Putin di averlo fatto avvelenare con l’agente nervino Novichok.

Intanto, dopo l’appello lanciato dalla madre Lyudmila direttamente a Putin per riavere il corpo del figlio “immediatamente”, una Corte dell’estremo nord russo ha accettato di esaminare una denuncia presentata formalmente dal team di Navalny per la mancata consegna della salma.

Già oltre, dunque, il periodo di 14 giorni che gli investigatori russi avevano annunciato per condurre non meglio precisati “esami chimici” prima di consegnare il corpo alla famiglia. Lyudmila, arrivata nella regione artica sabato, il giorno dopo la notizia del decesso, ha inutilmente cercato finora di vedere il figlio, rivolgendosi ai responsabili della colonia penale IK-3, dove era rinchiuso, e all’ospedale della città di Salekhard, avendo ricevuto ufficiosamente la comunicazione che si trovava nell’obitorio di questo nosocomio. L’udienza si svolgerà appunto a Salekhard, a porte chiuse.

Ad avanzare invece la nuova ipotesi sulle cause della morte di Navalny, con un pugno al cuore, è stato Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani Gulagu.net, che ne ha parlato al quotidiano britannico. Secondo Osechkin, che ha citato una fonte che lavora nella prigione IK-3, i lividi trovati sul corpo dell’oppositore sono compatibili con la tecnica del “pugno unico” già usato dai sicari del Kgb sovietico; e prima della sua morte Navalny, 47 anni, è stato costretto a trascorrere più di due ore e mezza all’aperto, dove la temperatura poteva scendere fino a -27 gradi.

Un operatore del servizio ambulanze dell’ospedale di Salekhard aveva invece detto che i lividi sul corpo di Navalny erano compatibili con un’azione di contenimento a causa di convulsioni, e quello al petto con un massaggio cardiaco. Il governo britannico di Rishi Sunak ha annunciato da parte sua di aver imposto sanzioni su sei funzionari russi additati come presunti responsabili della morte. Si tratta, secondo quanto ha precisato il Foreign Office, del colonnello della guardia penitenziaria Vadim Kalinin e di cinque suoi vice.

Nel frattempo anche il dissidente russo Vladimir Kara-Murza, quello che sta scontando la condanna più pesante, a 25 anni, ha fatto sentire la sua voce per accusare il presidente russo di essere “personalmente responsabile della morte di Navalny”, perché questi “era suo prigioniero personale, e solo su suo ordine personale potevano agire gli avvelenatori”.



Sahifa – Post Options

Un pugno al cuore dopo essere stato esposto per molto tempo a condizioni di congelamento: così, secondo una fonte citata dal Times, sarebbe stato ucciso Alexei Navalny, dopo che nei giorni scorsi la vedova Yulia Navalnaya aveva invece accusato direttamente il presidente Vladimir Putin di averlo fatto avvelenare con l’agente nervino Novichok.

Intanto, dopo l’appello lanciato dalla madre Lyudmila direttamente a Putin per riavere il corpo del figlio “immediatamente”, una Corte dell’estremo nord russo ha accettato di esaminare una denuncia presentata formalmente dal team di Navalny per la mancata consegna della salma.

 

Già oltre, dunque, il periodo di 14 giorni che gli investigatori russi avevano annunciato per condurre non meglio precisati “esami chimici” prima di consegnare il corpo alla famiglia. Lyudmila, arrivata nella regione artica sabato, il giorno dopo la notizia del decesso, ha inutilmente cercato finora di vedere il figlio, rivolgendosi ai responsabili della colonia penale IK-3, dove era rinchiuso, e all’ospedale della città di Salekhard, avendo ricevuto ufficiosamente la comunicazione che si trovava nell’obitorio di questo nosocomio. L’udienza si svolgerà appunto a Salekhard, a porte chiuse.

Ad avanzare invece la nuova ipotesi sulle cause della morte di Navalny, con un pugno al cuore, è stato Vladimir Osechkin, fondatore del gruppo per i diritti umani Gulagu.net, che ne ha parlato al quotidiano britannico. Secondo Osechkin, che ha citato una fonte che lavora nella prigione IK-3, i lividi trovati sul corpo dell’oppositore sono compatibili con la tecnica del “pugno unico” già usato dai sicari del Kgb sovietico; e prima della sua morte Navalny, 47 anni, è stato costretto a trascorrere più di due ore e mezza all’aperto, dove la temperatura poteva scendere fino a -27 gradi.

Un operatore del servizio ambulanze dell’ospedale di Salekhard aveva invece detto che i lividi sul corpo di Navalny erano compatibili con un’azione di contenimento a causa di convulsioni, e quello al petto con un massaggio cardiaco. Il governo britannico di Rishi Sunak ha annunciato da parte sua di aver imposto sanzioni su sei funzionari russi additati come presunti responsabili della morte. Si tratta, secondo quanto ha precisato il Foreign Office, del colonnello della guardia penitenziaria Vadim Kalinin e di cinque suoi vice.

Nel frattempo anche il dissidente russo Vladimir Kara-Murza, quello che sta scontando la condanna più pesante, a 25 anni, ha fatto sentire la sua voce per accusare il presidente russo di essere “personalmente responsabile della morte di Navalny”, perché questi “era suo prigioniero personale, e solo su suo ordine personale potevano agire gli avvelenatori”.

Circa Redazione

Riprova

G7 trasporti. Ferrante (Mit): ‘Impegno comune per ricostruzione Ucraina, ruolo infrastrutture strategico’

“La ricostruzione dell’Ucraina è una priorità della Presidenza italiana del G7 e un impegno comune …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com