Napolitano: Segni di ripresa, politica eviti rottura

“La crisi non è ancora superata, ma si intravedono i primi segni di ripresa: la politica non sprechi questo momento”. Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervenendo alla cerimonia  per l’inaugurazione dell’anno scolastico, svoltasi al Quirinale, striglia governo e Parlamento ad andare avanti lungo la strada per uscire dalla crisi. “L’economia e l’occupazione -ha detto il capo dello Stato- tardano a riprendersi, ma i primi segni di ripresa si vedono, e si riaffaccia la speranza di un nuovo, più solido sviluppo, su basi più giuste, dell’economia e della società”. Il capo dello Stato chiede a Governo e Parlamento a proseguire nella loro azione per uscire dalla crisi “senza incertezze e tantomeno rotture”, per “compiere le azioni necessarie. Si mobilitino tutte le forze valide del Paese”. Giorgio Napolitano ha poi messo ancora una volta l’accento sull’importanza, fondamentale, di un rafforzamento complessivo del mondo della scuola e dell’università per dare ai giovani maggiori prospettive di lavoro. “Rafforzare l’istruzione a tutti i livelli, sviluppare la ricerca scientifica, rendere più elevata e moderna la formazione dei giovani attraverso tutti i canali è decisivo per superare la crisi, per combattere la disoccupazione, per competere nel mondo d’oggi, per costruire il futuro che l’Italia può riuscire a darsi”. Il presidente della Repubblica ha ricordato come il nostro Paese resti “ancora indietro rispetto ad altri Paesi avanzati, agli ultimi posti nell’Unione europea, per il numero di quanti procedono fino in fondo negli studi: sono addirittura calate negli ultimi anni le iscrizioni all’università, in concomitanza con l’aggravarsi della crisi economica. E’ a rischio -ha ammonito – il progresso realizzatosi nel lungo periodo precedente”. “A voi giovani, a voi ragazze e ragazzi dico nel modo più semplice e convinto: la sola risposta certa che si può dare alle vostre preoccupazioni per il futuro, ‘avremo lavoro e quale, qualificato e soddisfacente oppure no, potremo avere un posto riconosciuto nella società?’, la risposta certa a queste vostre domande è una sola: formatevi e preparatevi nel miglior modo possibile. Ve ne deve essere data, certo, la possibilità, dal sistema d’istruzione, dalle strutture scolastiche, dalle politiche pubbliche, ma almeno in parte, in buona parte, queste possibilità oggi esistono in Italia”, conclude Napolitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com