Napoli in un morso: è arrivata la leggerezza nella sua forma migliore

Dove si mangiano le graffe più buone di Napoli?
Se lo chiedete a un napoletano, vi risponderà senz’altro allo Chalet Ciro.

Soffice, calda, profumata e avvolta da una nuvola di zucchero.“Fritta e mangiata”, disponibile a tutte le ore ma soprattutto in quelle serali, quando centinaia di persone si affollano dinanzi allo Chalet, in fila per assaporare una graffa unica ed inimitabile

Un’esperienza culinaria che si svolge in una postazione centrale, creando una coreografia di sapori, odori e sorrisi sotto il cielo stellato di Napoli.


Qual è il segreto dietro a questo straordinario successo?

L’impasto, prima di tutto. Un’armoniosa combinazione di ingredienti freschi e genuini compongono l’impasto, preparato con cura artigianale. I tempi di lievitazione e la cottura in olio di arachidi di alta qualità ne esaltano il gusto, mentre il servizio rapido completa a pieni voti l’esperienza.

Aggiungiamo a questo la posizione invidiabile della nostra sede storica, con una vista mozzafiato che abbraccia il mare e il cuore di Napoli.

Chalet Ciro nasce nel 1952, ma la graffa “entra in famiglia” solo nel 2011, dopo ben 6 anni di sperimentazione in laboratorio. A spingere per la sua produzione e a curarne con rigore la realizzazione, il desiderio e il ricordo prezioso di Don Antonio De Martino, l’anima dietro la graffa, vero tributo alla sua infanzia golosa.

Oggi, non solo questa dolcezza è sempre in tutte le sedi della città e, volendo, con l’aiuto di pochi click sullo smartphone ti raggiunge a casa con Glovo.it ma si assurge a vera e propria icona della nostra produzione.

Ma forse questo già lo sai.

Il capitolo più recente?
Alza gli occhi al cielo, c’è una nuova maxi affissione che svetta nell’azzurro di Napoli. La trovi sospesa, come una visione paradisiaca, nei pressi della Stazione Centrale, per ricordare a tutti -napoletani e turisti- che al corner vicino al binario 23 partono, sostano e arrivano i desideri che sporcano il naso di zucchero e spalancano i sensi alla goduria.

Un inno visivo alla leggerezza, la nostra gigante aureola ricoperta di zucchero, il più tangibile dei simboli di gioia.

Perché la graffa di Ciro è la graffa di Ciro.

Icona e cult per tutta la città che, guardandola, non disdegnerà una supplica golosa.
Tra il cielo e la tavola, cara amatissima graffa, continua a incantare e a deliziarci, come tu, solo tu, sai fare.

Chalet Ciro 1952
I Make You Happy

Circa Redazione

Riprova

Giancarlo Magalli: ‘De Sica a scuola lo bullizzavano. Fiorello è rimasto un animatore Valtur’

  La vita di Giancarlo Magalli è un film. Lo è stata fino dall’età di …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com