Meloni: “Non farò la fine di Berlusconi”. Levata di scudi contro i giudici per i casi Santanchè-Delmastro

La ministra del turismo via in caso di richiesta di rinvio a giudizio. Ma c’è anche il caso del sottosegretario Delmastro da risolvere.

Giorgia Meloni passa al contrattacco dopo i guai giudiziari che riguardano la ministra Santanchè e il sottosegretario Delmastro, entrambi indagati. La premier prepara una doppia partita, da una parte sostituire la ministra del turismo in caso di rinvio a giudizio e dall’altra respingere gli “attacchi” dei giudici. Accusati di voler “fare opposizione al governo”. Meloni – si legge su Repubblica- si sfoga con i suoi: “Non farò la fine di Berlusconi”. Dettando la linea a Fratelli d’Italia: non rinunceremo alla delega al turismo. Nel caso la prenderebbe lei stessa. Ma soltanto in caso di avviso di conclusione indagini e richiesta di rinvio a giudizio.

Le dimissioni di Daniela Santanchè – prosegue Repubblica – sono quindi ben più che un’ipotesi. D’altro canto Meloni aveva già spiegato ai suoi che sarebbero arrivate in caso di recrudescenza sulle questioni di Visibilia e Ki Group. All’epoca però sembrava invece pronta ad attendere il rinvio a giudizio. E quindi la decisione di un Gip e non quella di un pubblico ministero. Adesso il caso politico rischia la deflagrazione. Anche perché Santanchè “ha combinato un pasticcio pur avendo a disposizione sei avvocati”, come sostenevano ieri fonti di maggioranza. Ora, spiega un retroscena di Repubblica, è il momento dell’azione. Che prevede l’alzata di scudi contro la magistratura.

Daniela Santanchè non retrocede. All’indomani dell’informativa al Senato, 40 minuti da leonessa per sbugiardare le accuse piombate dall’inchiesta di Report sulla gestione delle società Ki Group e Visibilia, conferma di non aver ricevuto nessuna notifica di indagini a suo carico.

“Ribadisco che fino ad oggi alle ore 15 non ho ricevuto un avviso di garanzia”. Così il ministro del Turismo, incalzata dai giornalisti lasciando un convegno dell’Anci. Nessuna notifica, dunque, anche se tutta la stampa, dopo lo ‘scoop’ del Domani con titolone a effetto, oggi ripercorre con dovizia di particolari l’apertura del fascicolo a carico del ministro-imprenditore.

“È un paese normale quello in cui il giornalista conosce cosa segretate dalla magistratura e ignote all’interessato e ai suoi legali?”, ha detto la Santanchè ieri davanti all’Aula del Senato, chiedendo di intervenire contro pratiche, non nuove, che definisce “sporche e schifose”. Il paradosso è tutto qui. I media riportano (e gonfiano) la notizia mentre l’interessata non ne è al corrente. E dire che l’avviso di garanzia è appunto tale per garantire il diritto alla difesa dell’imputato e non il diritto dei media al processo sommario a mezzo stampa.

L’apertura dell’indagine risale allo scorso 5 ottobre nell’inchiesta milanese con al centro Visibilia, il gruppo editoriale che ha fondato. Notizie di reato: bancarotta e falso in bilancio, stando ai giornali che a cascata riportano la notizia trapelata dalla procura, secondo un mal costume antico. Tra i più prodighi di dettagli, neanche a dirlo c’è Repubblica. Le fonti giornalistiche? La formula di rito recita: “da quanto si è appreso da fonti qualificate del palazzo di giustizia milanese”. Insieme al ministro del Turismo risultano indagate altre cinque persone.

Palazzo Chigi non intende restare a guardare. A 24 ore dell’informativa della Santanchè e a poche ore dalla decisione del gip di Roma di disporre l’imputazione coatta per il sottosegretario Delmastro per il caso Cospito, arriva la presa di posizione di fonti del governo. “In un processo di parti non è consueto che la parte pubblica chieda l’archiviazione e il gip imponga che si avvii il giudizio”, prima considerazione sul caso Delmastro. E ancora, sul caso Santanchè: “In un procedimento in cui gli atti di indagine sono secretati è fuori legge che si apprenda di essere indagati dai giornali. Curiosamente nel giorno in cui si è chiamati a riferire in Parlamento, dopo aver chiesto informazioni all’autorità giudiziaria”. Quando questo interessa due esponenti del governo in carica è lecito domandarsi – continuano le fonti del governo – “se una fascia della magistratura abbia scelto di svolgere un ruolo attivo di opposizione.  E abbia deciso così di inaugurare anzitempo la campagna elettorale per le elezioni europee”.

Di circostanze sospette parlano anche i capigruppo di FdI di Camera e Senato, Tommaso Foti e Lucio Malan. “Il ministro Santanchè, che nel giorno della sua informativa in Senato riceve dai media la notizia di indagini a suo carico. Con ipotizzata richiesta di proroga delle stesse, senza avere mai ricevuto alcuna notifica”, osservano. “Il sottosegretario Delmastro che viene rinviato a giudizio dal gip benché il pm ne abbia chiesto l’archiviazione. Si tratta di due circostanze a dir poco sospette che rimandano a scenari che ci auguravamo superati. Se poi tutto questo si verifica in presenza di un governo che sta riscuotendo il crescente consenso, non possiamo non dirci profondamente preoccupati. Dobbiamo forse interpretare ciò come l’avviso della campagna elettorale del prossimo anno?”.

Circa Redazione

Riprova

Europee, due leader e preferenze personali raccolte: ‘Giorgia Meloni, oltre due milioni; Elly Schlein, poco più di 200mila’

  Un dato colpisce nell’affermazione del Pd alle europee colpisce la performance di Elly Schlein …

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com